Lupita Nyong'o e la copertina del libro 'Sulwe' (pubblicato da Simon & Schuster)
Lupita Nyong'o e la copertina del libro 'Sulwe' (pubblicato da Simon & Schuster)

Oltre a essere un'attrice affermata e ad avere vinto un Oscar grazie al film '12 anni schiavo', Lupita Nyong'o ha anche scritto un libro per bambini intitolato 'Sulwe' (2019), accolto molto bene dalla critica ed entrato nell'autorevole lista dei best-seller del New York Times. Ora quel libro è stato opzionato da Netflix in vista di un adattamento in forma di musical d'animazione, con l'obiettivo di rendere onore a una storia di ricerca della propria autostima e di discriminazione basata sul colore della pelle.


Sulwe, il libro di Lupita Nyong'o

Scritto da Lupita Nyong'o e illustrato da Vashti Harrison, 'Sulwe' racconta la storia di una bambina con la pelle scurissima ("del colore della mezzanotte", si legge nell'incipit del libro). Proprio il fatto di essere nera come nessun'altra persona che conosce, spinge la bimba a desiderare di essere più chiara e bella. Colpita dai suoi sentimenti, la Notte le manda una stella cadente che la invita a compiere un viaggio magico e formativo.

'Sulwe' ruota attorno al tema del colorismo, termine utilizzato per indicare quel tipo di discriminazione che si basa sul colore della pelle, ma che a differenza del razzismo è rivolta verso membri della medesima etnia (la cui pelle ha varie sfumature di nero). Lupita Nyong'o, originaria del Kenya, ha dichiarato di essere cresciuta "non sentendomi a mio agio per via della mia pelle scurissima. Raramente vedevo qualcuno che mi somigliasse nelle pagine dei libri, dei magazine o anche in televisione. Ci ho messo molto tempo a volermi bene". Per questo 'Sulwe' è insieme "uno specchio che consente ai bimbi con la pelle scura di vedere se stessi" e anche un mezzo per consentire a coloro che "non hanno familiarità con il colorismo, di comprendere e sviluppare empatia, e per tutti quelli che si sentono differenti e invisibili di riconoscere la loro bellezza innata a il loro valore".

Il film d'animazione e musical

Netflix non ha annunciato i nomi che si occuperanno dell'adattamento, ma dal punto di vista commerciale è chiara l'intenzione di continuare nel solco tracciato da 'Klaus: i segreti del Natale' (2019, candidato all'Oscar come migliore film d'animazione) e dal più recente 'Over the Moon - Il fantastico mondo di Lunaria' (2020, nomination ai Golden Globe di quest'anno).
'Sulwe' si aggiunge infatti a un interessante gruppo di lungometraggi animati che presto vedremo in streaming su Netflix: su tutti 'Pinocchio' di Guillermo del Toro e Mark Gustafson, 'Apollo 10 1/2: A Space Age Adventure' di Richard Linklater, 'Wendell & Wild' di Henry Selick e 'My Father's Dragon' di Nora Twomey.

Leggi anche:
- Golde Globes 2021, i film: le nomination premiano 'Mank'
- Golden Globes 2021: 'The Crown' e 'Schitt's Creek' guidano le nomination per le serie TV
- Wednesday Addams, giovane detective in una nuova serie TV di Netflix