19 apr 2022

Streets Of Rage, l'autore di 'John Wick' adatta il videogame

Derek Kolstad al lavoro sulla sceneggiatura del film: parla di un trio di poliziotti che combatte il crimine a suon di botte

Foto: SEGA
Streets of rage (Foto: SEGA)

Dopo avere scritto la saga di 'John Wick' e 'Io sono nessuno', vale a dire alcuni dei migliori action degli ultimi anni, Derek Kolstad sta ora adattando per il grande schermo il videogame 'Street Of Rage'. Anche in questo caso aspettiamoci un film d'azione, perché la trama del gioco racconta di tre poliziotti che ripuliscono le strade di una metropoli combattendo il crimine a suon di calci e pugni.

Streets Of Rage, il videogame e il film

'Streets Of Rage' è un picchiatutto a scorrimento orizzontale prodotto da SEGA. Il primo titolo della serie è uscito nel 1991 su Megadrive e nel corso degli anni ha propiziato la pubblicazione di altri capitoli e l'arrivo su nuove console, comprese Xbox One, PlayStation 4 e Nintendo Switch. L'ultimo titolo del franchise, 'Street Of Rage 4', ha debuttato ad aprile del 2020 e si calcola che abbia venduto 2,5 milioni di copie in tutto il mondo.

La trama è piuttosto semplice: tre poliziotti decidono di affrontare una potente organizzazione criminale che ha preso il controllo di una città fittizia e la governa con la violenza e la corruzione. Il giocatore sceglie quale tutore dell'ordine interpretare (è possibile anche giocare in co-op) e poi affronta una serie di livelli potendo contare su un bel numero di mosse e sulla possibilità di utilizzare come armi alcuni elementi dell'ambiente circostante, ad esempio bottiglie di vetro, tubi di metallo e coltelli. Qua e là ci sono anche cibi, come mele e galline, che incrementano l'energia.

Dal canto suo, la giapponese SEGA è una delle maggiore case di produzione di videogiochi e ha già affrontato la sfida di un adattamento cinematografico grazie a 'Sonic' e 'Sonic 2', che si sono comportati bene al botteghino. Sa dunque come muoversi e il fatto che possa contare su Derek Kolstad porta acqua al suo mulino. Staremo a vedere come si sviluppa il progetto.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?