Foto: Marco_Bonfanti / iStock
Foto: Marco_Bonfanti / iStock

Roma, 12 aprile 2021 - In Italia, così come nella maggior parte delle città europee, durante la pandemia è cresciuta la voglia di muoversi in città senza l’ausilio di mezzi inquinanti. Basti pensare che, nel nostro paese, nel 2020 c’è stato un boom degli acquisti di biciclette (2 milioni: +17 rispetto al 2019) e sono nati circa 200 chilometri di nuove ciclabili. Di conseguenza, la mentalità dei cittadini sta cambiando: secondo un recente sondaggio di YouGov, commissionato dalla non-profit Transport & Environment, più del 70% dei residenti a Roma e Milano è favorevole al divieto di vendere auto a diesel e a benzina in Europa dopo il 2030.

La Francia pensa all’abolizione dei voli interni per limitare l’inquinamento

Un cambio di mentalità

Il sondaggio dimostra che i cittadini si stanno rendendo conto che in città esistono tante alternative sostenibili per spostarsi da un punto all’altro: la macchina non è più vista come un elemento essenziale. YouGov ha preso in considerazioni oltre 10.050 adulti residenti in 15 città europee, tra cui appunto Roma e Milano. Dai risultati è emerso che il 77% dei romani e il 73% dei milanesi è d’accordo con un potenziale divieto (a livello europeo) di vendita dei mezzi a benzina e a diesel a partire dal 2030. Ed entro il 2030, non a caso, l’Unione Europea si è posta l’obiettivo di ridurre almeno del 40% le emissioni di gas a effetto serra (rispetto ai livelli del 1990). Tutto ciò nell’ottica dell’ambizioso obiettivo delle zero emissioni entro il 2050. Le città meno “entusiaste” di un cambiamento del genere sono state Anversa (Il 51% è favorevole), Amburgo (52%), Berlino (51%) e Lione (53%).

La crescita del mercato delle auto elettriche

Il sondaggio ha anche mostrato che i romani e i milanesi credono nell’auto elettrica come mezzo del futuro. Per consolidare la diffusione delle automobili green, però, servono dei passi avanti immediati: il 61% di chi vive a Roma e il 62% di chi vive a Milano ritiene che sia necessario incrementare la presenza di colonnine di ricarica, mentre il 61% dei romani e il 56% dei milanesi pensa che sia fondamentale che il prezzo delle auto elettriche si avvicini a quello delle auto a motore. Solo così il mercato potrà crescere e confermare gli ottimi segnali del 2020, quando le vendite di auto elettriche pure e di ibride plug-in sono aumentate del 147% rispetto al 2019.