Collezione Stefano Ricci
Collezione Stefano Ricci

Firenze, 10 luglio 2020 - "Sono un po' angosciato del futuro del nostro settore, tanti artigiani e tante aziende chiuderanno. La notizia poi della fine di un brand come Brook's Brothers e della chiusura di alcuni grandi magazzini americani mi ha colpito moltissimo", racconta Stefano Ricci, stilista e imprenditore che ha fatto dell'eccellenza assoluta delle sue collezioni di moda maschile (molto spesso vera alta moda) la sua bandiera e che ha riflettuto molto sul Made in Italy e la sua situazione oggi molto delicata. "Sono nato, vivo e lavoro a Firenze, qui ho 600 dipendenti nel comune di Fiesole, qui il cuore delle mie lavorazioni ancora molte a mano da esperti artigiani che eccellono specie nella pelletteria - continua Stefano Ricci - e ho la sensazione che anche il modo di vestire classico dovrà darsi una scrollata, rivedendo i certi canoni che per tanti brand sono sempre gli stessi. Invece la tradizione ora deve incontrare l'innovazione, anche nel modo di pensare le collezioni. Penso che la leggerezza sia fondamentale, nell'aspetto e nella sostanza, il modo di vivere degli uomini di oggi lo impone. E poi le giacche vanno sdrammatizzate, devo esprimere allegria e io sento il bisogno di colore che vanno mischiati tra loro con buon gusto ma devono essere un po' trasgressivi. Perchè quando uno è inquieto col colore vede il mondo con una nuova luce!". L'occasione per queste riflessioni è stata ieri la presentazione video e l'incontro stampa per lanciare la collezione della primavera-estate 2021, che della leggerezza e del colore vivo abbinato al classico ha fatto la chiave di volta del cambiamento. A partire dalla digitalizzazione della collezione che è completa e già pronta alla vendita come si vede dalle tante postazioni già installate per lavorare nello showroom fiorentino di via de' Pescioni dove si avvieranno contatti e ordini, visto che ancora non si può viaggiare nel mondo. “Io ho 70 negozi nel mondo e spero che rimangano in piedi tutti!".

A sopresa ieri Stefano Ricci ha letto una lettera d'amore per Firenze, scritta per la sua città dove è nato e da sempre lavora per la moda maschile di lusso che forse non ha uguali, con la sua famiglia, la moglie Claudia suo braccio destro e i figli Niccolò Ricci amministratore delegato e Filippo Ricci direttore creativo. Presentando il lookbook e il video per il lancio della collezione estate 2021, Stefano Ricci l'ha letta ai giornalisti con emozione, perchè di amore vero per Firenze si tratta, sbocciato da una riflessione fatta durante il lockdown trascorso nella proprietà di Poggio ai Segugi a Firenzuola.

"C’era un tempo in cui tutto sembrava facile - scrive Ricci nella lettera -, poi basta un istante e scopri che tutto cambia e vorresti che quel passato non finisse mai. Rifletti … In questo periodo non ho mai smesso di pensare a te. Ti ho sognata, ti ho desiderata. Mi sei mancata, forse troppo. Vivo nell’attesa di tornare a sfiorarti con il mio sguardo. Persino i tuoi difetti mi sono indispensabili. Sei il mio cuore, la mia anima, tu Firenze, la grande". E proprio quest'ultima frase, letta nel video dall'attore Maurizio Lombardi, dà il titolo alla collezione concepita nel segno della suprema eleganza contemporanea. Continua così il Grand Tour per le meraviglie d'Italia e questo a Firenze è davvero l'appuntamento del cuore. "Siamo qui per ricordare le nostre radici, qui dove tutto è cominciato e ora ricomincia dopo la pandemia con energia, coraggio, entusiasmo" dice Filippo Ricci direttore creativo che per il video si è avvalso dell'esperienza di Romeo Conte e per la cover del lookbook ha chiesto a Manetti Battiloro di esaltare all'ennesima il Giglio fiorentino. Intanto il fratello Niccolò Ricci, Ceo del brand, traccia la rotta per superare “un momento particolarmente complesso come l' attuale. Dopo aver chiuso il 2019 a 148,3 milioni in linea con le previsioni, con un Ebitda a 26,2, l’inizio del 2020 è segnato dal lockdown globale. Non parliamo di cifre, ma prevediamo un graduale recupero nel secondo semestre dopo i primi segnali incoraggianti registrati a giugno".

Ripartire, e ripartire da Firenze, la Grande, è il messaggio di questa collezione, con la bellezza del Rinascimento a confronto con quella dell’Ottocento con le meraviglie del Poggi, come la Fontana delle Rampe davanti alla quale hanno posato i modelli. Nella campagna Stefano Ricci anche gli scatti realizzati in 5 grandi hotel: Four Seasons Hotel Firenze, Belmond Villa San Michele, The St. Regis Firenze, The Westin Excelsior Florence, Helvetia & Bristol, Villa Cora, tra saloni, giardini e panorami da sogno. Ad aprire il sontuoso lookbook un testo intenso di Umberto Cecchi, che racconta al mondo l'avventura ottocentesca degli Anglofiorentini.