20 gen 2022

Stanlio e Ollio, Totò e James Bond I film più amati dal Fellini spettatore

Nel 1982 il regista compilò la lista delle pellicole preferite per il critico cinematografico del Carlino. Accanto a grandi opere come quelle di De Sica, Truffaut e Renoir ci sono anche molti campioni d’incassi

manuel spadazzi
Magazine

di Manuel Spadazzi I film di Chaplin, prima di tutto. E poi Rossellini e Truffaut, De Sica e Renoir. Ma nel cinema ideale di Federico Fellini, che oggi avrebbe festeggiato i 102 anni, non dovevano mancare pellicole decisamente più popolari, da King Kong a Guerre stellari, dalle avventure di James Bond a quelle di Totò. A leggere la lista dei 43 film che il grande regista riminese avrebbe rivisto volentieri al cinema, si scopre un Fellini molto diverso da quello che sedeva dietro la macchina da presa. Per dire: al Maestro era piaciuto tantissimo anche Totò, Peppino e la dolce vita, la parodia del suo capolavoro, diretta da Sergio Corbucci, uscita l’anno dopo La dolce vita. Fellini considerva Totò un gigante della commedia, una maschera vivente, e già ai tempi de I vitelloni gli dedicò un omaggio in una delle scene più famose, quella della festa di Carnevale dove compare l’enorme figura in cartapesta del principe della risata. Il Fellini spettatore era un cinefilo tutt’altro che snob, innamorato sia delle opere dei grandi maestri sia dei campioni d’incasso. Lo dimostra la lista dei film raccolta dal giornalista e critico cinematografico Dario Zanelli, morto nel 2000, storica firma del Resto del Carlino. Zanelli, durante la rassegna ‘Cinema estate’ a Bologna nel 1982, chiese e ottenne da Fellini di avere un suo elenco dei film preferiti. O meglio, lo corresse il regista, "dei film che vorrei rivedere, anzi: che voglio rivedere...". Fellini non si fece pregare, Zanelli annotò una a una tutte le pellicole preferite del maestro, scrivendole a macchina. Quella lista dei film più amati da Fellini fu pubblicata dallo stesso Zanelli nel libro "Nel mondo di Federico" edito da Eri nel 1987. Il documento apparteneva, in origine, al Fondo Zanelli della Cineteca di Bologna. "Non sappiamo la data in cui il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?