(Foto: Mark Erdmann/Conservation International Indonesia Marine Program)
(Foto: Mark Erdmann/Conservation International Indonesia Marine Program)
L'immaginario cinematografico ci ha regalato squali giganteschi che affiorano a pelo d'acqua con la loro  pinna minacciosa. In realtà, quest'ordine di predatori include un'ampia gamma di specie, tra cui alcune semi-vegetariane, e altre che 'camminano' un po' goffe sul fondale marino. Vedere per credere il filmato qui sotto:



Il video, che risale a qualche anno fa, documenta un raro esemplare di 'walking shark', che trotterella amabilmente utilizzando le proprie pinne come se fossero dei piedi. Ora un team di ricercatori australiani ha individuato quattro nuove specie nelle acque tropicali tra l'Australia e la Nuova Guinea, unico luogo del mondo insieme all'Indonesia dove questi animali sembrano essere di casa.

La scoperta, a cura della University of Queensland, è il culmine di uno sforzo durato 12 anni, finalizzato a raggiungere una maggiore comprensione di tali creature. "In media gli squali che camminano misurano meno di un metro di lunghezza e non rappresentano una minaccia per le persone", ha spiegato la biologa Christine Dudgeon. "Tuttavia la loro capacità di resistere in ambienti a basso contenuto di ossigeno e di camminare sulle pinne offre un vantaggio notevole per catturare piccoli crostacei e molluschi."

Le specie descritte sulla rivista Marine and Freshwater Research appartengono al genere Hemiscyllium, tecnicamente conosciuti anche come squali bambù. I nuovi arrivati si sono aggiunti a una lista che comprendeva cinque altri 'walking shark' solo dopo attenta analisi genetica, che ha avvalorato le osservazioni a occhio nudo.

Secondo gli scienziati non è da escludere che esistano ulteriori specie simili, ma occorrerà del tempo per poterle trovare.