I consigli per organizzare il lavoro da remoto
I consigli per organizzare il lavoro da remoto
In questi giorni di chiusura da Coronavirus molte persone si ritrovano costrette a lavorare da casa. Soprattutto per chi non è abituato, seguire alcuni accorgimenti può aiutare a mantenersi produttivi senza sprecare tempo, farsi distrarre e disperdere energie mentali.

Costruite una routine quotidiana. La tentazione di alzarsi più tardi del solito e mettersi subito al computer ancora in pigiama è forte, ma non bisogna cascare nel tranello. Fate la doccia e la colazione, vestitevi e preparatevi come fareste in una giornata lavorativa normale: abituarsi a mantenere queste abitudini aiuta a separare la vita quotidiana da quella "di ufficio" e a predisporvi al lavoro.

Organizzate il programma della giornata. È importante fissare obiettivi e scadenze della giornata e stabilire e rispettare gli orari di lavoro. Non devono necessariamente coincidere in modo rigido con quelli soliti dell'ufficio (purché siano compatibili con quelli dei colleghi): cercate di sfruttare al meglio i momenti della giornata in cui siete più produttivi.

Create uno spazio dedicato. Ricavate uno spazio lavorativo protetto e separato da quello della vita domestica. Se disponete di una stanza per isolarvi, è la soluzione ideale; in caso contrario, non piazzatevi dove capita ma allestite una postazione ordinata e funzionale, come se fosse la vostra scrivania.

Evitate le distrazioni. Quando state lavorando, state lavorando: il bucato può aspettare. Cercate di evitare che le incombenze e le commissioni casalinghe invadano il tempo dedicato al lavoro.

Comunicate con i colleghi. La tecnologia offre numerose soluzioni, da Skype a Slack e applicativi simili, per mantenervi in collegamento con colleghi e superiori. È ovviamente fondamentale quando state svolgendo un'attività collaborativa, ma serve anche a dimostrarvi presenti e cementare la fiducia reciproca.

Prendetevi una pausa. Il rischio del remote working è quello di rimanere incollati al computer per ore e ore non-stop, ma dopo un po' la concentrazione cala e altrettanto il rendimento. Concedetevi dei piccoli break periodici, alzatevi, sgranchite le gambe, fate la pausa pranzo lontano dallo schermo. Cercate poi di attenervi all'orario di lavoro: se siete riusciti a concludere i compiti della giornata, chiudete tutto e non trascinatevi oltre.


Leggi anche:
- Coronavirus, le regole in casa: niente scarpe e pulire i vestiti
- Coronavirus, smart working forzato. La crisi apre al futuro