Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Economia Politica Esteri Sport Motori Magazine Moda Salute Itinerari Tech Meteo Guida TV

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Spiderman Homecoming, Jon Watts regista del sequel

Marvel Studios ha chiesto a Jon Watts di dirigere il sequel di 'Spider-Man: Homecoming'. Lui ha accettato, ma deve fare un salto di qualità se vuole fare davvero bene 

Una scena del film 'Spider-Man: Homecoming' – Foto: Chuck Zlotnick/CTMG
'Spider-Man: Homecoming' è stato accolto molto bene da pubblico e critica e ha ormai superato i 480 milioni di dollari al botteghino mondiale: di conseguenza, sorprende solo fino a un certo punto che Marvel Studios abbia chiesto a Jon Watts di tornare a dirigere anche il sequel. Se però il regista 36enne è stato confermato nella serie A di quelli che vengono pagati molto bene per realizzare pellicole costosissime, occorre però che faccia un salto di qualità, perché il suo lavoro su 'Spider-Man: Homecoming' ha un neo.

IL SALTO DI QUALITÀ
Avendo in curriculum solo due film piuttosto piccoli, Jon Watts ha indubbiamente dimostrato di sapersi adattare a un set infinitamente più complesso e ambizioso. Ha inoltre raccontato nel modo giusto le principali caratteristiche dell'Uomo Ragno: essere un adolescente ed essere un supereroe di quartiere, più quotidiano rispetto a divinità come Thor o a miliardari come Tony Stark/Iron Man. La riuscita di 'Spider-Man: Homecoming' è dipesa soprattutto da questo. È anche vero, però, che quando si è trattato di realizzare le sequenze d'azione Jon Watts non è stato altrettanto brillante e in alcuni casi addirittura confusionario. Insomma, se vuole davvero diventare un nome che conta, il sequel dovrà funzionare anche come film action.

SPIDER-MAN: HOMECOMING, IL SEQUEL
Quello che sappiamo per certo sul futuro sequel è che Tom Holland tornerà a vestire i panni di Peter Parker ed è un'ottima notizia, perché è stato un innegabile valore aggiunto a 'Spider-Man: Homecoming'. Sappiamo anche che il secondo capitolo arriverà nelle sale cinematografiche il 5 luglio 2019, cioè una volta terminata la lunga storyline dedicata al supercattivo Thanos (vale a dire l'alieno intravisto alla fine del primo 'Avengers' e che sarà al centro dei fatti raccontati in 'Avengers: Infinity War', a maggio 2018, e poi nella seconda parte di 'Infinity War', un anno più tardi) Per quanto riguarda la trama del nuovo 'Spider-Man', invece, ancora mancano indicazioni ufficiali: l'unico dettaglio noto è che i produttori di Marvel Studios sarebbero tentati dal "modello Harry Potter", secondo il quale ogni film racconta il successivo anno scolastico del protagonista.

Leggi anche:
- Tutto su Spider-Man: Homecoming, dal trailer alle recensioni
- Spider-Man: Homecoming: Tom Holland conferma la trilogia
- The Shape of Water: il trailer del nuovo film di Guillermo del Toro

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.