Una scena di 'La fantastica signora Maisel' – Foto: Nicole Rivelli/Amazon Studios
Una scena di 'La fantastica signora Maisel' – Foto: Nicole Rivelli/Amazon Studios
L'esplosione del movimento #metoo, dopo gli scandali sessuali rivelati a Hollywood, ha messo giustamente sotto i riflettori le discriminazioni che subiscono le donne e le difficoltà che sono costrette ad affrontare per farsi valere in un mondo dominato dagli uomini. Tenendo presente questo contesto, vale la pena di vedere, o rivedere, alcune serie TV che hanno saputo raccontare le donne e il femminismo in modo intelligente e, per i maschietti, rivelatore. Sono disponibili su Netflix, Amazon, TIMvision e sono: 'La fantastica signora Maisel', 'GLOW', 'The Handmaid's Tale', 'Fleabag' e 'The Crown'.


LA FANTASTICA SIGNORA MAISEL (AMAZON)

New York City, anno 1958: una giovane donna viene lasciata dal marito che la tradisce e non riceve alcun appoggio dalla famiglia, che la critica per averlo sposato. Affranta e un po' brilla, sale sul palco di un locale che ospita aspiranti comici e si lancia in un monologo che fa impazzire dalle risate i presenti. Il suo futuro da cabarettista è però tutt'altro che sancito.

'La fantastica signora Maisel' ha vinto due Golden Globe 2018 (migliore serie e migliore attrice), ribadendo il talento della sceneggiatrice Amy Sherman-Palladino ('Una mamma per amica') per i dialoghi scoppiettanti, umoristici e talvolta sarcastici. La prima stagione è composta da otto episodi, le altre due già annunciate sono in lavorazione.




GLOW (NETFLIX)
All'inizio degli anni Ottanta, a Los Angeles, un gruppo femminile di wrestling inizia a guadagnarsi da vivere mettendo in scena finti combattimenti sul ring: il maschilismo imperante e i problemi personali metteranno più di un bastone fra le ruote.

Composta da due stagioni, di dieci episodi l'una, 'GLOW' è una serie comica che veicola contenuti tutt'altro che banali attraverso una messa in scena sopra le righe e solo apparentemente spensierata.




THE HANDMAID'S TALE (TIMVISION)
Qui il tono cambia radicalmente e dalla commedia entriamo con decisione nel dramma più cupo: siamo in un futuro distopico nel quale alle donne sono negati tutti i diritti e la loro funzione sociale è stabilita da una teocrazia maschile, senza riguardi per i loro desideri o la loro dignità umana.

Adattamento del romanzo di Margaret Atwood 'Il racconto dell'ancella', le due stagioni di 'The Handmaid's Tale' sono un autentico capolavoro della televisione contemporanea, per ambizione narrativa, qualità della recitazione e della messa in scena. Otto Emmy e due Golden Globe vinti stanno lì a testimoniarlo.




FLEABAG (AMAZON)
Una giovane donna londinese si barcamena fra la propria famiglia disfunzionale, la gestione di un bar in perenne difficoltà economica e un'instabile vita sentimentale e sessuale. Che spesso commenta parlando direttamente con i telespettatori, rompendo la quarta parete un po' come Kevin Spacey faceva in 'House of Cards'.

Commedia nera scritta e diretta da Phoebe Waller-Bridge, 'Fleabag' ha saputo conquistare pubblico e critica grazie a un umorismo intelligente, divertente e capace di navigare le difficili acque del politicamente scorretto senza naufragare nella volgarità gratuita. La prima stagione è composta da otto episodi, la seconda arriverà nel 2019.




THE CROWN (NETFLIX)
Creata da Peter Morgan, è un'ambiziosa serie storica che ripercorre la vita della regina Elisabetta II e della famiglia reale britannica nel corso dei decenni. Il progetto prevede un totale di sei stagioni, da dieci episodi l'una, che iniziano con il matrimonio di Elisabetta, nel 1947, e arrivano ai giorni nostri.

Le prime due stagioni, quelle attualmente disponibili, sono state incensate da pubblico e critica e hanno saputo conquistare anche coloro che, di primo acchito, non avrebbero mai guardato una serie storica e invece sono diventati fan. Ha vinto due Golden Globe 2017 (migliore serie drammatica e migliore attrice) e conquistato un totale di 26 nomination agli Emmy (vincendone tre).




Leggi anche:
- Quattro serie tv crime da (ri)vedere nell'estate 2018
- Cinque serie TV tratte da storie vere, da vedere nell'estate 2018
- Jim Carrey è in crisi esistenziale nella serie TV Kidding