Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Cinque in famiglia (Party of Five): il reboot della serie TV

La nuova incarnazione di 'Party of Five' racconterà di bambini statunitensi che crescono soli perché i genitori sono stati deportati in Messico 

Ultimo aggiornamento il 7 settembre 2018 alle 19:18
L'originale 'Party of Five' – Foto: Columbia Pictures
Cinque giovani statunitensi sono costretti a crescere da soli perché i genitori sono stati deportati in Messico: è l'idea centrale, tutt'altro che all'acqua di rose, che anima il progetto di reboot della serie TV 'Cinque in famiglia' ('Party of Five'). Ad avere ordinato il progetto è la rete televisiva via cavo Freeform, che appartiene alla galassia di Walt Disney Company.

CINQUE IN FAMIGLIA (PARTY OF FIVE)

La serie originale è un teen drama andato in onda per sei stagioni, dal 1994 al 2000, sulla statunitense Fox. Racconta la storia di tre fratelli e due sorelle che rimangono orfani dopo la morte dei genitori in un incidente automobilistico. Sono il fratello maggiore Charlie (Matthew Fox), i grandicelli Bailey (Scott Wolf) e Julia (Neve Campbell), la più piccola Claudia (Lacey Chabert) e Owen, di soli sei mesi e interpretato da più di un bambino. Al centro della trama c'è la perdita dei genitori, ma vengono esplorati anche altri temi impegnativi, come ad esempio l'alcolismo, la violenza e la malattia.

IL REBOOT CON I DEPORTATI
Christopher Keyser e Amy Lippman, i creatori della serie originale, hanno proposto un reboot che riprendesse l'idea dei cinque costretti a vivere senza genitori, ma con la differenza che questi ultimi non sono morti: sono stati deportati in Messico. Freeform ha accettato con entusiasmo e ha finanziato una puntata pilota con la quale verificare se davvero c'è spazio per una stagione completa oppure no: la pilota sarà scritta da Keyser e Lippman insieme a Michal Zebede ('Castle') e sarà diretta da Rodrigo Garcia ('Nine Lives').

IMPARARE A ESSERE UNA FAMIGLIA
Christopher Keyser e Amy Lippman hanno dichiarato: "Venticinque anni fa abbiamo immaginato la storia di cinque bambini che navigavano nel mondo dopo la morte prematura dei loro genitori. Oggi, storie di famiglie separate e di bambini che devono crescere subendo la deportazione dei loro genitori non richiedono alcuna immaginazione: sono ovunque sotto i nostri occhi. Questa nuova versione di 'Cinque in famiglia' non è un copia e incolla del passato: è uno sguardo nuovo su dei bambini che cercano di essere una famiglia affrontando circostanze al di fuori del loro controllo e che scoprono, come già nella serie originale, che le famiglie persistono indipendentemente da quanto siano grandi gli ostacoli che le intralciano".

Leggi anche:
- Halloween, il film: ora la preda è Michael Myers
- Atypical, stagione 2: una bella serie tv
- Narcos: Messico, la nuova serie TV di Netflix

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.