Un dettaglio del poster – Foto: Entertainment One
Un dettaglio del poster – Foto: Entertainment One
Il punto non è cadere, tutti cadono: il punto è se e come ti rialzi e Molly Bloom è una che si rialza alla stragrande. Lo sceneggiatore (e per la prima volta regista) Aaron Sorkin è rimasto affascinato dalla storia vera di questa donna e l'ha raccontata nel film 'Molly's Bloom', affidando il ruolo di protagonista alla bravissima Jessica Chastain. È atteso nelle sale cinematografiche italiane a partire da giovedì 19 aprile e questo significa che è arrivato il momento di capire cosa abbiamo davanti, senza fare spoiler.

MOLLY'S GAME: COS'È

'Molly's Game' è un film biografico che utilizza una sceneggiatura pirotecnica (candidata all'Oscar 2018) per costruire un andamento narrativo incalzante. Le due ore e venti di durata non sono poche, ma scorrono piuttosto in fretta.

LA TRAMA
Costretta a lasciare lo sport professionistico, Molly Bloom (interpretata da Jessica Chastain) entra per caso in contatto con il mondo del poker clandestino, quello giocato da gente ricca, famosa e con montagne di soldi da spendere. Siccome è una donna brillante e intelligente, mette in piedi un proprio giro di partite, ma un giorno l'FBI irrompe in casa sua e l'arresta, sostenendo che al suo tavolo si sedessero anche membri della mafia russa. Dovrà affrontare un processo difficile, ma avrà al suo fianco un abile avvocato (Idris Elba).

IL TRAILER


L'ESORDIO DI AARON SORKIN
Aaron Sorkin è ormai da tempo uno degli sceneggiatori più rispettati di Hollywood. Ha esordito nel 1992, grazie al film 'Codice d'onore' (con Tom Cruise, Jack Nicholson e Demi Moore), ma ha iniziato a fare sul serio a partire dalla fine degli anni Novanta, grazie alla serie TV 'The West Wing' (1999-2006) e poi a film come 'The Social Network' (2010) e 'L'arte di vincere' (2011). Con 'Molly's Game' non si è limitato a scrivere la sceneggiatura, ma si è anche cimentato per la prima volta dietro la cinepresa: per non correre rischi, ha chiesto consigli sul da farsi all'amico e regista David Fincher ('Seven', 'Gone Girl', 'The Social Network').

IL PARERE DI CHI L'HA VISTO
'Molly's Game' ha messo d'accordo pubblico e critica esteri, che in generale assegnano alla pellicola un voto compreso fra il 7 e l'8 (su dieci). Convincono in modo particolare le interpretazioni di Jessica Chastain e Idris Elba, la solidità della regia di Sorkin e soprattutto la sua capacità di raccontare in modo brioso una storia che in altre mani sarebbe risultata noiosa.
Ciliegina sulla torta: questo è un film sulla difficoltà di essere una donna in un mondo di uomini, un argomento quanto mai attuale che però non si mangia la trama, che prima di tutto resta un'analisi della sfaccettata personalità di Molly Bloom.

Leggi anche:
- Ocean's 8, il cast al femminile promette bene
- Jessica Jones, la serie TV rinnovata per la stagione 3
- Jason Bourne, la serie TV prequel. Ecco perché avrà successo