Una scena di 'I predatori dell'arca perduta' – Foto: Lucasfilm
Una scena di 'I predatori dell'arca perduta' – Foto: Lucasfilm
Pare che l'archeologo avventuriero stia affrontando la sfida più difficile della propria carriera, quella di tornare su grande schermo. Secondo uno scoop lanciato in esclusiva dal magazine Variety, Lucasfilm e Walt Disney Pictures avrebbero deciso di rimandare l'uscita nelle sale cinematografiche di 'Indiana Jones 5', prevista per il 10 luglio 2020. Si parla di un sensibile ritardo nella lavorazione, valutabile in mesi se non addirittura in un intero anno. Cosa sta succedendo esattamente?

INDIANA JONES 5: CAMBIO DI SCENEGGIATORE
L'idea di far uscire il quinto film della saga a luglio 2020 era basata sul fatto che David Koepp, autore per esempio del primo 'Jurassic Park', stava alacremente lavorando alla sceneggiatura: ragionevolmente l'avrebbe terminata in tempo per consentire l'inizio delle riprese ad aprile 2019 e dunque l'arrivo nelle sale un anno più tardi. In questi giorni, però, Koepp è stato sostituito da Jonathan Kasdan, figlio di quel Lawrence Kasdan che contribuì alla nascita del franchise scrivendo 'I predatori dell'arca perduta' (insieme, padre e figlio hanno messo nero su bianco il copione di 'Solo: A Star Wars Story').

INDIANA JONES 5 RIMANDATO
Non è chiaro perché Koepp ha lasciato, né perché proprio Jonathan Kasdan sia stato assunto al suo posto, ma, stando a quanto scrive Variety, questa sostituzione è alla base della decisione di cancellare il 10 luglio 2020 come data di uscita della pellicola. Lucasfilm e Walt Disney Pictures non hanno voluto confermare l'indiscrezione, ma il fatto che si parli di un ritardo di mesi fa intendere che a Kasdan sia stata affidato un lavoro di riscrittura corposo, non semplicemente una revisione. Un ultimo tassello da considerare riguarda il regista Steven Spielberg e l'attore Harrison Ford: entrambi hanno voce in capitolo, su 'Indiana Jones 5', e potrebbero aver contribuito all'allontanamento di David Koepp: anche in questo caso, però, i diretti interessati non hanno rilasciato dichiarazioni.

Leggi anche:
- Il blaster di Han Solo venduto a 550mila dollari
- Gli spin-off di Star Wars in stand-by? Una brutta decisione
- Hereditary, il film horror del momento