Una scena dei 'Racconti di Terramare' – Foto: Studio Ghibli/Nibariki/GNDHDDT
Una scena dei 'Racconti di Terramare' – Foto: Studio Ghibli/Nibariki/GNDHDDT
Non è facile intraprendere la carriera di regista se sei figlio di uno dei più grandi autori cinematografici di sempre, cioè Hayao Miyazaki: soprattutto perché il confronto diretto verrà automatico e sarà severo. Eppure Goro Miyazaki ha realizzato lo stesso due lungometraggi, una serie animata e ora è al lavoro sul suo terzo film. Lo finanzia il leggendario Studio Ghibli (produttore di tutti i lavori di Miyazaki padre), che dopo una recente riorganizzazione aziendale è pronto a lanciarsi nell'animazione in computer grafica, cioè quella con una resa visiva simile alle pellicole Pixar.

COS'È IL NUOVO FILM DI MIYAZAKI?
Il cofondatore dello Studio Ghibli, Toshio Suzuki, ha annunciato ufficialmente che Goro Miyazaki realizzerà un film d'animazione digitale. Non ha rivelato altri dettagli, per esempio sulla trama o l'uscita nelle sale, ma già il fatto di utilizzare la computer grafica è un'informazione interessante: i precedenti lungometraggi dello Studio Ghibli si sono staccati il meno possibile dall'animazione tradizionale con i disegni fatti a mano. In alcuni casi vi ricorrevano, ma solo come eccezione alla regola. Il nuovo progetto di Goro Miyazaki rappresenta dunque un passo interessante, che riposiziona l'azienda all'interno del mercato globale. Se con successo o meno lo decideranno gli spettatori.

I PRECEDENTI DI GORO MIYAZAKI
Nato a Tokyo nel 1967, Goro Miyazaki ha lavorato per buona parte della sua vita facendo l'architetto di giardini: era infatti riluttante a intraprendere la stessa carriera del padre, pur essendone molto affascinato. Una volta rotti gli indugi, si è messo sotto l'ala protettiva dello Studio Ghibli (co-fondato da Hayao Miyazaki) e nel 2006 ha potuto godersi la soddisfazione di vedere distribuito nelle sale cinematografiche il suo esordio come regista e sceneggiatore, intitolato 'I racconti di Terramare' e adattamento della saga letteraria di Ursula K. Le Guin. Nel 2011 è arrivato il secondo film, 'La collina dei papaveri', e nel 2014 la serie TV 'Sanzoku no musume Ronya'.

Leggi anche:
- Hayao Miyazaki, ecco il suo prossimo film d'animazione
- Elena Ferrante al lavoro su un nuovo libro
- Può una coltura intensiva salvare la barriera corallina?