The Beatles (Ansa)
Gran parte delle canzoni dei Beatles porta la doppia firma Lennon/McCartney, ma alcuni fan non hanno mai smesso di interrogarsi su chi abbia maggiormente contribuito alla composizione di alcuni brani specifici. Uno dei più dibattuti è 'In My Life', contenuto nel disco del 1965 'Rubber Soul'.

IN MY LIFE DEI BEATLES

La curiosità nasce da una divergenza fra John Lennon e Paul McCartney. In un'intervista concessa al magazine Playboy nel 1980, Lennon disse che 'In My Life' era sua e che era "la prima canzone consapevolmente scritta riguardo la mia vita". Entrando più nel dettaglio aggiunse che McCartney aveva dato il suo contributo su una porzione del brano, ma non più di quello. Quattro anni più tardi Playboy intervistò Paul McCartney e quest'ultimo affermò che John si era presentato con il testo pronto e che lui si aveva composto la musica utilizzando il Mellotron che il collega aveva in casa. "Penso che John se ne sia scortato", chiosò.

LA DISPUTA
Le differenze tra le due interviste, rilasciate oltretutto a parecchi anni dalla composizione di 'In My Life', hanno alimentato il dibattito su chi fosse il vero compositore del brano. Non che la cosa sia una regione di vita o di morte, ma numerosi fan dei Beatles hanno continuato a interrogarsi in proposito, senza mai avere l'occasione di giungere a una risposta definitiva. Fino ad ora.

LA RISPOSTA DELLA MATEMATICA
Il professore di matematica Jason Brown e due suoi colleghi dell'Università di Harvard (Mark Glickman e Ryan Song) hanno trovato il modo di risolvere l'enigma. L'idea è stata di ricorrere a una versione rimaneggiata del cosiddetto "modello della borsa di parole", quello cioè che analizza un determinato testo ignorando l'ordine delle parole e la grammatica: è il medesimo principio che sta dietro la nuvola di parole, rappresentazione che spesso vediamo in Internet e che indica i termini utilizzati in un testo evidenziando attraverso le dimensioni quelli che si ripetono più spesso.

DALLE PAROLE ALLA MUSICA
Brown e colleghi hanno rimaneggiato la borsa delle parole e l'hanno applicata all'intero catalogo musicale dei Beatles, evidenziando 149 distinte transizioni fra le note e gli accordi. Dopo di che hanno ricondotto, quando possibile, determinate transizioni ai componenti della band, così da avere una mappa musicale tipica per ognuno di loro. A questo punto l'attribuzione di 'In My Life' è arrivata di conseguenza: la matematica ha sentenziato che è quasi certamente stata scritta da John Lennon, perché la probabilità di un intervento da parte di Paul McCartney è solo dello 0,018% (praticamente nulla).

PER CONCLUDERE, IN MY LIFE


Leggi anche:
- Quali sono i musicisti preferiti da Paul McCartney?
- Oscar al miglior film popolare, le polemiche
- E se i rapinatori avessero i superpoteri?