In un ospedale completamente blindato dalle forze dell’ordine e pieno di politici, un Aldo Moro redivivo, anche se a letto e con la barba lunga, che riceve le visite di Andreotti, Cossiga e Zaccagnini e che esprime davanti a tutti la sua gratitudine per le Brigate Rosse che lo hanno liberato, mentre accusa la Democrazia Cristiana: "Provo incompatibilità con il partito, rinuncio a tutte le cariche e soprattutto mi dimetto dalla Dc". Al capezzale anche un Andreotti che, alla domanda se bisognasse dirlo al Papa Paolo VI, replica di "Meglio non dire nulla a Sua Santità".

Sono le prime immagini, mostrate ieri da Marco Bellocchio alla Festa di Roma, della serie tv Esterno Notte, una sorta di “sequel“ del famoso film del maestro, con Fabrizio Gifuni nei panni dello statista.