Le serie TV più attese del 2022
Le serie TV più attese del 2022

La pandemia di Coronavirus può influire anche sulle date d'uscita delle serie TV, per esempio rallentando o interrompendo le riprese, ma in linea di massima abbiamo alcuni titoli che dovrebbero comunque arrivare nel corso del 2022 e che promettono grandi cose. Li abbiamo raccolti, in rigoroso ordine alfabetico e privilegiando esclusivamente le novità, dunque non le nuove stagioni di titoli già esistenti. Se le varie date d'uscita non sono specificate, è perché ancora mancano indicazioni ufficiali sul mese e il giorno esatti.

1899 (Netflix)
Il motivo di interesse è dato dal fatto che gli showrunner di '1899' sono Baran bo Odar e Jantje Friese, vale a dire le menti pensanti dietro il grande successo della serie TV tedesca 'Dark' (2017-2020). Questa volta i due hanno congegnato una trama che abbraccia il genere mystery/horror e racconta di un gruppo di migranti europei che salpa in nave da Londra diretto a New York City: il viaggio inizia a trasformarsi in un incubo quando l'imbarcazione ne incontra un'altra, anch'essa colma di migranti, in mezzo alle acque dell'oceano.

CABINET OF CURIOSITIES (Netflix)
È una serie TV antologica prodotta da Guillermo del Toro, un nome che, per il genere di paura, è una garanzia di qualità, originalità e impatto. Netflix sta tenendo la bocca cucita e dunque si sa molto poco, a parte che è ispirata alle wunderkammer, o camere delle meraviglie, termine che indica le collezioni di oggetti straordinari. La prima stagione sarà composta da otto episodi autoconclusivi, ognuno con un cast e un regista diverso.

THE LORD OF THE RINGS (dal 2 settembre su Amazon Prime Video)
Per realizzare le cinque stagioni ipotizzate è stato messo in campo 1 miliardo di dollari, cifra che fa di 'The Lord of the Rings' la serie TV più costosa della storia. Non è l'adattamento di un lavoro in particolare di J. R. R. Tolkien: la trama è ispirata al complesso della mitologia da lui creata ed è ambientata migliaia di anni prima degli eventi narrati nello 'Hobbit' e nel 'Signore degli Anelli'. Racconta l'alleanza degli uomini di Numenor e degli elfi di Gilgalad formata nel tentativo di combattere il Signore Oscuro.

HALO (Paramount+)
È una serie di fantascienza militare basata sull'omonima e fortunatissima saga di videogiochi. È ambientata nel XXVI secolo e ruota attorno alla guerra fra l'umanità e i Covenant, un'alleanza teocratica fra molte razze aliene. Al centro della trama il personaggio di Master Chief, un super soldato umano addestrato fin da bambino al combattimento e dotato di abilità eccezionali.

HOUSE OF THE DRAGON (HBO)
È il prequel del 'Trono di spade' e già solo questo chiarisce come mai si tratta di una delle serie TV più attese dell'anno. Ambientata duecento anni prima dei fatti raccontati in 'Game of Thrones', narra l'inizio della fine della casata dei Targaryen, i nobili che hanno enormi draghi come animali domestici. È l'adattamento del romanzo fantasy di George R. R. Martin 'Fuoco e sangue' (2018).

THE MIDNIGHT CLUB (Netflix)
Come nel caso di '1899', il motivo dell'attesa dipende dal nome del creatore e showrunner: si tratta di Mike Flanagan, il re Mida del genere horror su Netflix, autore di chicche imperdibili come 'Hill House' e 'Midnight Mass'. In questo caso siamo di fronte all'adattamento dell'omonimo romanzo di Christopher Pike, storia di un gruppo di adolescenti malati terminali che vivono in un hospice e che ogni notte si incontrano per raccontarsi storie spaventose. Una notte fanno un patto: il primo che morirà dovrà comunicare con gli altri dalla propria tomba. Quando la malattia effettivamente spegne uno di loro, iniziano a verificarsi eventi bizzarri.

OBI-WAN KENOBI (Disney+)
È la nuova serie TV di 'Guerre stellari' più attesa del 2022 e racconta eventi che si svolgono nel periodo di tempo compreso tra la fine della trilogia cinematografica prequel e l'inizio del film 'Star Wars: Episode IV'. Nel cast spicca la presenza di Ewan McGregor e Hayden Christensen: il primo torna a vestire i panni del maestro jedi Obi-Wan Kenobi, mentre il secondo sarà ancora Anakin Skywalder/Darth Vader

RESIDENT EVIL (Netflix)
Gli zombi portano fortuna ai telefilm, vedi il successo di 'The Walking Dead' (che nel 2022 avrà la sua ultima stagione). Dal canto suo, 'Resident Evil' è uno dei titoli che più hanno fatto faville proprio grazie a non morti e mostri vari, prima come saga di videogame e poi in qualità di franchise cinematografico. Ora i videogiochi forniscono l'ispirazione per una serie TV con attori in carne e ossa, che secondo voci di corridoio seguirà due linee temporali separate.

THE SANDMAN (Netflix)
La graphic novel 'Sandman', di Neil Gaiman, è una pietra miliare della letteratura a fumetti. Questa serie TV ne è l'adattamento e lo stesso Gaiman ha collaborato al suo sviluppo (è una garanzia di qualità). La trama narra di Sogno, personificazione antropomorfa dei sogni e signore del regno dei sogni, che viene imprigionato per 105 anni da uno stregone umano: una volta liberato si dedica a rivendicare il controllo del proprio regno, interagendo qua e là con gli altri Eterni, cioè Destino, Morte, Distruzione, Disperazione, Desiderio e Delirio. Ci si attende un fantasy adulto e di grande fascino narrativo.

THE WITCHER: BLOOD ORIGIN (Netflix)
Sempre nel mondo del fantasy, 'The Witcher' è una delle corazzate di Netflix, lodata per la ricchezza dell'intreccio, l'originalità dell'ambientazione e la qualità della messa in scena. 'Blood Origin' è un prequel ambientato 1.200 anni prima e incentrato sulla civiltà elfica prima del suo declino, sulla creazione del primo witcher e sul cataclisma che sconvolse l'intero multiverso e portò nella "nostra" dimensione una serie di creature innaturali, ad esempio mostri come ghoul e vampiri.