Primo Maggio, Ambra Angiolini e Lodo Gaudenzi sul palco (foto Ansa)
Primo Maggio, Ambra Angiolini e Lodo Gaudenzi sul palco (foto Ansa)

Roma, 1 maggio 2018 - Primo maggio 2018festa dei lavoratori. Giorno, fra l'altro, come da tradizione, del concerto in piazza San Giovanni a Roma, presentato da Ambra Angiolini e Lodo Gaudenzi dello Stato Socale. La piazza è gremita di giovani. Massime le misure di sicurezza per la kermesse, promossa dai sindacati. Diretta su RaiTre e Radio2, che quest'anno, oltre a seguire l'evento on air, racconterà il backstage in diretta sulla pagina Facebook di Radio2 e sul canale YouTube della Rai. La radio sarà presente in piazza con una conduzione interamente al femminile, composta da Andrea Delogu, Ema Stokholma, Melissa Greta Marchetto e Carolina Di Domenico.

"MI SONO ROTTO IL C..." - Ad aprire la lunga maratona Lo Stato Sociale, alle 15 in punto. La band ha intonato il brano "Mi sono rotto il c....", in una versione rivista e corretta, attaccando la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, Luca Cordero di Montezemolo, la formazione del nuovo governo, il lavoro senza diritti. Tre anni fa, su quello stesso palco, il gruppo bolognese era stato costretto, dagli organizzatori e dalla Rai, a rinunciare a esibirsi con quel brano, perché in fascia protetta non era stato ritenuto accettabile l'uso della parolaccia contenuta nel titolo e nel testo. La loro presenza fece comunque discutere dopo il divieto di portare sul palco insieme a loro sei coppie: due eterosessuali, due gay e due lesbiche per un lungo bacio durante l'esibizione, a sostegno dei diritti civili. L'unico bacio fu quello tra due componenti de 'Lo Stato Sociale'.

VIDEO Primo Maggio, la gente del "concertone" boccia l'alleanza Pd-M5S

Primo maggio tra festa e cortei (pensando al governo in stallo)

image

NANNINI INFIAMMA, IL VAFFA DI SFERA EBBASTA - Tanti gli artisti sul palco, ma sicuramente a infiammare la piazza ci ha pensato Gianna Nannini. Seduta sul trono come una 'regina del rock' la rocker senese è partita con 'Dio è morto' per il suo lungo set. Poi è stata la volta di 'Fotoromanza', dell'ultima hit 'Fenomenale', di 'America'. Quando è stata la volta di 'Sei nell'anima', Gianna ha avuto un'incertezza ed è stata costretta a ricominciare. Poi ha lasciato il palco con le stampelle (postumi della caduta durante il concerto di Genova di alcune settimane fa) tra l'ovazione del pubblico. A sancire lo sdoganemento delle parolacce al Concertone, invece, ci pensa Sfera Ebbasta con un "vaffa" accompagnato dal dito medio esibito in diretta tv in prima serata durante la canzone 'Rockstar'.  

VIDEO Concerto Roma, controlli di sicurezza e metal detector al concertone

"VIETATO MORIRE SUL LAVORO" - Il Concertone però è stata anche l'occasione per rilanciare un messaggio sull'importanza della sicurezza sul lavoro. A farlo è stato Ermal Meta che ha modificato uno dei suoi successi 'Vietato morire' aggiugnendo "specie sui posti di lavoro". Attimi di preoccupazione per la security, invece, quando Cosmo si è lanciato sul pubblico al termine della sua esibizione facendosi trasportare dall'onda delle mani dei fan per un paio di minuti.

Questa la scaletta con l'ordine di uscita sul palco:

- Indigo Face - Giorgio Baldari - Braschi - Esposito - Maria Antonietta - Frah Quintale - Wrongonyou - Achille Lauro e Boss Doms - Mirkoeilcane - Nitro - Galeffi - Gemitaiz - Gazzelle - Willie Peyote - Erio - La Municipàl - Zuin - Dardust ft. Joan Thiele - Canova - The Zen  ircus - Francesca Michielin - John De Leo - Ministri - Gianna Nannini - Ultimo - Sfera Ebbasta - Max Gazzè & Orchestra Filarmonica Marchigiana - Ermal Meta - Carmen Consoli - Cosmo - Le Vibrazioni - Lo Stato Sociale - Calibro 35. Chiuderà il dj set di Fatboy Slim.  

Primo maggio, aforismi e frasi famose per la festa del lavoro

L'APPUNTAMENTO DI TARANTO - Sono migliaia le persone che hanno raggiunto il parco archeologico delle Mura Greche di Taranto per il Concertone dell'1 maggio organizzato dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, che torna dopo un anno di pausa per la quinta edizione. La musica si alterna alle voci di protesta dei territori che subiscono gli effetti dell'inquinamento della grande industria o progetti altamente impattanti, ma si parla anche di alternativa economica, di sfruttamento sui luoghi di lavoro, di sicurezza, di immigrazione, di femminicidi. A condurre l'evento sono Valentina Petrini, Valentina Correani, Andrea Rivera e Martina Dell'Ombra. Ai due ingressi del parco vengono consegnati dei ticket numerati che servono come conta persone: per questioni di sicurezza la capienza massima dell'area recintata è di 50mila presenze. Sul palco anche l'attore Michele Riondino, direttore artistico con Roy Paci e Antonio Diodato, che ha ricordato come il tema di quest'anno sia: "Riprogrammiamo il futuro". Questa mattina si è svolto il dibattito sull'Ilva e l'accordo di programma per Taranto, elaborato da cittadini e associazioni, a cui ha partecipato anche il governatore pugliese Michele Emiliano. Dall'iniziativa è emerso che in autunno sarà organizzato uno sciopero generale contro le ingiustizie, non solo ambientali, che si svolgerà a Taranto perchè "può essere considerata la città più vessata d'Italia". Tra gli artisti che si esibiranno al Concertone ci sono Emma Marrone, Brunori Sas, Levante, Noemi, Vinicio Capossela, Mezzosangue, Irene Grandi, Ghemon, Teresa De Sio, Coma_Cose, Piotta, Luca De Gennaro, Modena City Ramblers, Lacuna Coil e Terraross.