Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
28 gen 2022

Ornella Muti a Sanremo con allegria. "Vi prego, non prendetemi di mira"

"Porterò sul palco tutte le mie passioni: cinema e rispetto per l’ambiente"

28 gen 2022
Ornella Muti, 67 anni il 9 marzo: condurrà il 1° febbraio la prima serata di Sanremo
Ornella Muti, 67 anni il 9 marzo: condurrà la prima serata del Festival
Ornella Muti, 67 anni il 9 marzo: condurrà il 1° febbraio la prima serata di Sanremo
Ornella Muti, 67 anni il 9 marzo: condurrà la prima serata del Festival

Sanremo, 28 gennaio 2022 - A 14 anni è stata la Moglie più bella di Damiani, poi ha incarnato l’emancipazione di Vincenzina in Romanzo popolare di Monicelli, ha prestato il volto alla bellissima e dolente Cass, la prostituta di Storie di ordinaria follia di Ferreri, e all’ammaliante Odette in Un amore di Swann di Schlöndorff, per citare solo alcuni ruoli interpretati in 50 anni di carriera e quasi 200 film con i più grandi registi. Senza dimenticare la passione per il teatro e l’impegno per l’ecosostenibilità e lo stile consapevole. Sguardo magnetico e fascino senza età, Ornella Muti ha accolto l’invito di Amadeus e sarà accanto a lui all’Ariston per la serata inaugurale del festival di Sanremo 2022, martedì 1° febbraio. "Sono felicissima per tanti motivi: uno di questi è la possibilità di offrire un momento di svago in una fase di grande cupezza. Cerchiamo di non fare un Sanremo pesante, non ne abbiamo bisogno", dice l’attrice, 67 anni il 9 marzo. "Cosa farò? Non vorrei finire fucilata…", ride. "Porterò sicuramente i miei temi, il sostegno per il pianeta, il richiamo a ognuno di noi a fare uno sforzo per il futuro, per un’eredità sostenibile da lasciare ai nostri figli e nipoti. Dei rischi legati al clima, per esempio, si parla da tempo, ma passa sempre tutto in secondo piano. Ecco, mi piacerebbe toccare questi argomenti, ma con leggerezza", promette Ornella. Top secret il look, che ha affidato allo stilista Francesco Scognamiglio. All’Ariston ci sarà anche un momento celebrativo della sua lunga storia d’amore con il cinema: "Ho avuto la fortuna di lavorare con autori e registi importanti: erano anche tempi diversi, i produttori giocavano sulla propria pelle e si assumevano tutti i rischi di un film, seguendolo poi come un bambino. Oggi è tutto più difficile". La pandemia Covid ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?