Achille Lauro nei panni della regina Elisabetta I (Ansa)
Achille Lauro nei panni della regina Elisabetta I (Ansa)

Sanremo, 9 febbraio 2020 - Ancora una performance che fa entrare Achille Lauro nella storia del Festival di Sanremo, come nessuno finora in questi primi settanta anni. Dopo San Francesco con la cappa preziosa dell’addio alla ricchezza, dopo Ziggy Stardust in stravagante “mascherata” neo rock, dopo l’altezzosa ed eccentrica Marchesa Casati coi suoi vezzi scandalosi, ecco per la serata finale la bellezza della 'regina vergine' Elisabetta I Tudor che ha segnato un’epoca che pare ancora vivissima. Ed ecco questo artista trasformista in camicia di chiffon rosa dal lungo strascico sulla crinolina che poi si sfila mentre canta 'Me ne frego' per restare in pantaloni di velluto rosso.

Un incrocio tra Cinquecento e Pop Art anni Settanta. Splendido il trucco di migliaia di perle sul viso e sui capelli fulvi che risplendono sulla gorgiera superba. Ed è questo il tocco di Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, magnifico costumista di questo spettacolo nello spettacolo, elegia che trapassa i secoli e le anime di questi eroi contemporanei interpretati da Achille. Un binomio perfetto cantante/stilista mai visto al mondo che segna una linea di non ritorno nell’immaginario del Festival.

La regina d’Inghilterra e d’Irlanda ha protetto scrittori e pensatori come Williams Shakespeare, Christopher Marlowe, Ben Jonson, Edmund Spenser, Francis Bacon e il messaggio di Achille Lauro diventa subliminale e culturale. “Sono stato molto colpito dalla sua indipendenza, di cui aveva fatto un vero e proprio baluardo. Mi è parso il personaggio più adatto per chiudere la serie di performance con cui, in queste sere, ho unito personaggi che in modi diversi mi hanno ispirato attraverso modalità altrettanto differenti di esprimere e vivere la libertà - spiega Achille Lauro -. Elisabetta I è riuscita a fregarsene, a tener testa agli uomini con cui si confrontava: lo faceva anche attraverso il suo aspetto, indossando abiti larghi sulle spalle, per rendere la propria fisicità imponente quanto la propria personalità e per non essere mai inferiore ai propri interlocutori maschili”.

Con il cantante, come sempre sul palco, la 'spalla' Boss Doms (alias Edoardo Mannozzi), con occhi dai lunghi ciglioni multicolor e lo smoking da bambino buono coi calzoncini corti e la camicia fuxia, a cui Lauro stampa velocemente un bacio sulle labbra.

“Lauro è una persona dotata di una grandissima sensibilità e creatività, e con un grado di libertà che mi attrae molto - raccconta Alessandro Michele, dominus di Gucci - Avevamo già collaborato prima di questa straordinaria esperienza e mi aveva da subito affascinato per la sua grande personalità. Collaborare con lui per Sanremo è stata una conseguenza naturale. È stato davvero bello lavorare insieme a Lauro, al suo e al mio team su questo progetto, perché è bello lavorare con persone libere, che volano alto e che portano avanti un messaggio forte rispetto ad argomenti importanti”. La direzione creativa di tutte le performance è seguita personalmente dall’artista, assieme a Nicoló Cerioni e la direzione del progetto è del manager Angelo Calculli.