Freddie Mercury a Sanremo nel 1984, non nasconde il playback
Freddie Mercury a Sanremo nel 1984, non nasconde il playback

Sanremo, 5 febbraio 2019 - I Queen a Sanremo, era il 4 febbraio 1984. Ma mancò qualcosa, e quell'occasione è ricordata da molti, anche sui social, con un certo sarcasmo. Risparmiare sui microfoni, e sui fonici, non dover regolare volumi e strumenti a ogni cantante, e soprattutto evitare stonature e brutte figure al festival canoro più famoso del Belpaese, furono le ragioni di una scelta molto deludente: all'Ariston Freddie Mercury dovette cantare in playback. 

Un'esibizione palesemente registrata della già famosa hit 'Radio Ga Ga', dell'album 'The Works', con la voce e l'audio troppo perfetti, simili alla versione uscita dallo studio di registrazione.  

Quell'edizione numero 34 del Festival di Sanremo vide trionfare Al Bano e Romina Power con 'Ci sarà'. In seconda serata, quando passavano gli artisti stranieri, i Queen furono introdotti al pubblico da Pippo Baudo e Beppe Grillo, che tra uno scherzo e l'altro non brillarono certo per la conoscenza della lingua inglese.

Mercury era furioso, si era costruito un nome anche sui palchi, con le eccezionali prestazioni canore che gli permettevano i brani della band britannica, impeccabile anche nel sound live, e non era avezzo alle prudenze della Rai per gli artisti che volessero esibirsi all'Ariston, insomma Freddie avrebbe voluto cantare dal vivo. 

Così fece il possibile per prendere le distanze da quella politica della tv italiana e, durante tutta l'esibizione, non fece nulla per mascherare il 'fake' sonoro, anzi allontanò più volte il microfono dalla bocca, mostrando chiaramente il playback. I fan apprezzarono il gesto del loro idolo e in molti protestarono con la rete televisiva per il freno posto a un'artista destinato ad entrare nella storia.

Sanremo 2019, i cantanti in gara. L'elenco completo dei big

Sanremo 2019, guida al festival

Festival in lutto per la morte di Giampiero Artegiani. Scrisse 'Perdere l'amore' che vinse nel '88 cantata da Massimo Ranieri