C’è un po’ di Italia nelle shortlist degli Oscar: Notturno di Gianfranco Rosi non compare tra i migliori film stranieri, ma ha ottenuto comunque un posto tra i documentari. Le “shortlist” sono i 15 titoli di alcune categorie tra i quali verrano scelte le rose ristrette delle nomination. Ad accompagnare il viaggio di Rosi verso la "notte delle stelle" del 25 aprile sarà anche Laura Pausini, nella shortlist di due categorie, colonna sonora e canzone originale (Io sì), per il film di Edoardo Ponti con Sophia Loren La vita davanti a sè. Il film con la Loren è indirettamente presente anche nella lista dei corti doc con What Would Sophia Loren Do? (Netflix) sulla diva. Il Pinocchio di Matteo Garrone si è fatto notare per il make-up e le acconciature del britannico Mark Coulier (già Oscar per Iron Lady e Grand Budapest Hotel). C’è poi, nella shortlist del miglior film straniero (anzi "internazionale", e per cui era in corsa anche Notturno) l’esordio alla regia di Filippo Meneghetti Due: la storia di due donne anziane che vivono sullo stesso pianerottolo e per decenni si sono nascoste l’attrazione reciproca, è stato candidato dalla Francia, dove vive il giovane regista italiano. Le nomination saranno annunciate il 15 marzo.