Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 lug 2021

Ritrovare Romy Schneider: oltre Sissi c’è di più

Il festival cinematografico di Bologna omaggia la vita tragica dell’attrice. Partendo da Visconti che liberò la femminilità dell’eterna principessa

20 lug 2021
benedetta cucci
Magazine

di Benedetta Cucci La madre Magda, che recitò il ruolo di genitrice anche nella famosa trilogia sulla vita dell’Imperatrice d’Austria Elisabetta di Baviera – dove impersonava la duchessa Ludovica di Baviera –, avrebbe voluto che la figlia fosse rimasta per sempre Sissi, tra finzione e realtà. Che non avesse mai abbandonato l’identità fragile di giovane donna della cui vita poteva liberamente decidere: l’importo fissato nei contratti, il colore dei vestiti da indossare davanti alle telecamere per le interviste, la scelta dei partner da baciare, tutto passava per Frau Magda. Però Romy Schneider, alla fine, dopo La Principessa Sissi che girò nel ’55 quando aveva solo 17 anni, poi Sissi la giovane imperatrice del 1956 e Sissi il destino di un’imperatrice del 1957, tutti diretti da Ernst Marischka, e altri film di carattere romantico con lieto fine, ce la fece a emanciparsi e a svoltare verso il grande cinema. Quel momento così importante in cui cambia pelle è impresso sulla locandina del festival “Il Cinema Ritrovato“ – che proprio oggi ha inizio a Bologna – e la presenta in una scena de Il lavoro, episodio di Boccaccio ’70 diretto da Luchino Visconti, il film del ’62 che la consacra diva internazionale. Che vita breve, e drammatica: mai superata la fine della storia d’amore con Alain Delon nel ’64, vide fallire due matrimoni e morire il primo marito (impiccatosi nel ’79) e il figlio quattordicenne David, rimasto ucciso nell’81, infilzato dalle punte acuminate del cancello che tentava di scavalcare a casa dei nonni. Romy, distrutta dall’alcol, dall’asportazione di un rene a causa di un tumore e, soprattutto, dalle tragedie che l’avevano colpita, morì a soli 43 anni, nel 1982. Una vita breve ma talmente complessa che il festival diretto da Gian Luca Farinelli, manifestazione devota alla visione di pellicole che hanno fatto la storia ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?