(Foto: SanneBerg/iStock)
(Foto: SanneBerg/iStock)
Ci sono risate e risate. Alcune sono autentiche e spontanee: in sintesi, una genuina manifestazione di ilarità. Altre sono forzate e artificiali, se non addirittura totalmente false. Tuttavia, secondo una ricerca pubblicata su Psychological Science, le persone hanno la capacità di riconoscere un riso vero da uno fint o, indipendentemente dall'influsso culturale.

ESPERIMENTO INTERCULTURALE
In un esperimento a oggi unico nel suo genere, i ricercatori hanno coinvolto 884 persone provenienti da sei regioni del mondo, dal Perù alla Corea del Sud, abbracciando in tutto 21 diverse culture. Ai volontari è stato chiesto di ascoltare le risate registrate di una serie di donne americane in età universitaria, per poi dare un giudizio sull'autenticità delle varie reazioni emotive.

UDITO SOPRAFFINO
A prescindere dall'area culturale di origine, due intervistati su tre sono stati in grado di distinguere le risate spontanee da quelle fasulle, basandosi semplicemente sul tipo di suono emesso dalle ragazze. In particolare, l'analisi dei file audio sembra rivelare che le risate naturali sono in genere caratterizzate da un timbro più forte e acuto.

UN SESTO SENSO CHE DIFFICILMENTE SBAGLIA
I risultati dei test suggeriscono che la risata sia una risposta emotiva estremamente primitiva, che affonda le proprie radici agli albori dell'evoluzione umana. Trattandosi di una componente universale del comportamento umano, la risata è difficilmente falsificabile, dicono i ricercatori, e non c'è differenza culturale che impedisca di percepire in tempo zero chiunque stia cercando di ingannarci.