Foto: Kimerafilm/Rai Cinema
Foto: Kimerafilm/Rai Cinema
Romano classe 1972, Valerio Mastandrea è uno dei volti più noti del cinema italiano, oltre che uno degli attori migliori che possiamo vantare oggi: anche per questo il suo primo lungometraggio da regista sta attirando l'attenzione. Si intitola 'Ride' ed esce nelle sale cinematografiche italiane giovedì 29 novembre.

RIDE, LA PRIMA REGIA DI VALERIO MASTANDREA
La storia è ambientata nelle ventiquattr'ore che precedono il funerale di un giovane operaio, morto in fabbrica. Gli sono sopravvissuti una moglie e un figlio di dieci anni, storditi dalla perdita, e un padre con i colleghi operai, incattiviti per l'ennesima morte sul lavoro. Tutto intorno amici, conoscenti ed estranei che si aspettano un certo modo di portare il lutto, un modo stereotipato che non appartiene a chi soffre per davvero.

RIDE: GLI AUTORI E IL CAST
Oltre che regista Valerio Mastandrea è anche lo sceneggiatore e in questo caso non siamo di fronte al suo primo lungometraggio, perché ha collaborato al copione di 'Chi nasce tondo…' e 'Padroni di casa'. In occasione di 'Ride' si è fatto affiancare da Enrico Audenino ('Maicol Jecson').

Nel cast troviamo Chiara Martegiani, Renato Carpentieri, Stefano Dionisi, Arturo Marchetti e Milena Vukotic.

IL TRAILER IN ITALIANO


IL DIRITTO DI STARE MALE COME SI DEVE
Nelle note di regia di 'Ride', Valerio Mastandrea scrive che gli ultimi trent'anni ci hanno regalato "la possibilità di vedere e sentire tutto amplificando in maniera esponenziale la nostra percezione del mondo e nello stesso tempo depotenziandoci emotivamente rispetto al tutto che incontriamo. Questo accade per le cose belle ma anche per le cose che ci fanno soffrire".

Così, "l'appropriazione indebita del dolore di chi subisce una perdita così dolorosa è spesso la costante del nostro tempo, specie se trainata dal carattere sociale del tragico evento che la genera". Piuttosto però che farci spettatori delle cose altrui, dovremmo "chiedere il permesso per stare male come si deve. A pensarci bene è logico. Solo abitando davvero il buio possiamo farci accecare dall'amore per la vita".

IL PARERE DI CHI L'HA VISTO
'Ride' è stato presentato la mattina del 27 novembre, nel corso del Torino Film Festival 2018 (23 novembre – 1 dicembre). Le prime recensioni inizieranno ad arrivare nelle prossime ore, ma già ora possiamo dire che in linea di massima l'esordio di Mastandrea è apprezzato per il tono agrodolce e per lo sguardo onesto e partecipe su coloro che si sentono fuori posto. Però non convince pienamente l'amalgama dei numerosi spunti e delle altrettanto numerose influenze, che talvolta portano il film a una sorta di stallo, come se non riuscisse a mettere perfettamente a fuoco i suoi punti di forza. Si tratta però di un esordio bello e promettente, pur essendo imperfetto.

Leggi anche:
- Bohemian Rhapsody, tutto sul film su Freddie Mercury e i Queen
- L'amica geniale, la serie TV tratta dai romanzi di Elena Ferrante
- Bernardo Bertolucci: ecco le sue 3 serie TV preferite