Riccardo Muti dirigerà i Wiener Philharmoniker al Teatro Alighieri di Ravenna
Riccardo Muti dirigerà i Wiener Philharmoniker al Teatro Alighieri di Ravenna
A pochi giorni dalla riapertura dei teatri, Ravenna diventa il centro della musica e riparte con un evento unico: il 9 maggio Riccardo Muti salirà sul palcoscenico dell’Alighieri per dirigere i Wiener Philharmoniker davanti a un pubblico, finalmente, in carne e ossa. Quando a dicembre il maestro aveva diretto la celebre orchestra per il concerto di...

A pochi giorni dalla riapertura dei teatri, Ravenna diventa il centro della musica e riparte con un evento unico: il 9 maggio Riccardo Muti salirà sul palcoscenico dell’Alighieri per dirigere i Wiener Philharmoniker davanti a un pubblico, finalmente, in carne e ossa.

Quando a dicembre il maestro aveva diretto la celebre orchestra per il concerto di Capodanno davanti al Musikverein di Vienna vuoto, aveva detto: "Siamo qui e crediamo nel messaggio della musica". L’appuntamento del 9 è la prima tappa di una tournée che proseguirà a Firenze e Milano.

All’Alighieri Riccardo Muti dirigerà i Wiener Philharmoniker in due concerti a poche ore di distanza, alle 17 e alle 20, un regalo grande del maestro e della celebre orchestra alla città, un’anteprima della XXXII edizione di Ravenna Festival a cui potranno assistere, per ogni replica, 250 spettatori.

Numeri ridotti ovviamente rispetto alla capienza dell’Alighieri, che in condizioni normali ne contiene più del triplo, ma necessari per il rispetto della normativa anti- Covid.

I programmi musicali dei due appuntamenti saranno accomunati dall’esecuzione di Calma di mare e viaggio felice di Mendelssohn, ma alle 17 il concerto si completerà con la Sinfonia n. 4 di Schumann, alle 20 con la Sinfonia n. 2 di Brahms.

Gli appuntamenti sono stati presentati ieri alla sala Corelli dell’Alighieri. "Il 9 maggio – ha sottolineato Angelo Nicastro, tra i direttori artistici di Ravenna Festival – i Wiener saranno ospiti del Festival per l’undicesima volta e non credo che altre manifestazioni possano vantare una presenza così frequente di questa prestigiosa orchestra. Non solo, concederanno del tutto straordinariamente due repliche nello stesso giorno, viste le limitazioni imposte dalla pandemia. Siamo grati per questo".

Annamaria Corrado