Il principe Carlo e la moglie Camilla - Foto: Ben Birchall/PA Wire/LaPresse
Il principe Carlo e la moglie Camilla - Foto: Ben Birchall/PA Wire/LaPresse

Per la gioia dei fan della famiglia reale inglese, in occasione del settantesimo compleanno del principe Carlo è stato lanciato un sito – The Charities of The Prince of Wales – che ne racconta la vita, le opere e l'impegno nel sociale, e che, soprattutto, permette di godersi una visita virtuale all'interno della Clarence House, la sua dimora londinese. L'iniziativa nasce dalla collaborazione fra Google Arts & Culture, le istituzioni legate alla corona e le organizzazioni benefiche del principe.

LA VITA DI CARLO
Si parte con un racconto fotografico della sua vita: la nascita nel 1948, il battesimo, l'infanzia trascorsa alla Clarence House, le immagini ufficiali con la mamma, l'allora principessa Elisabetta, e con il papà il principe Filippo, gli anni all'università, l'investitura a principe del Galles, e poi ancora la carriera militare, il matrimonio con Diana e quello con Camilla, l'arrivo dei figli William e Harry e le loro nozze con Kate e Meghan.

Ci sono poi altre sezioni che illustrano gli interessi e l'impegno sul campo di Carlo. Su tutte le varie attività filantropiche di cui è a capo, e in particolare la Turquoise Mountain Foundation che opera in Afghanistan nel recupero dei monumenti storici, nell'educazione e nel supporto dell'artigianato locale. In un'altra sezione, dedicata alla passione per l'arte del principe, si ammirano alcuni dei suoi acquerelli (nel senso che li ha dipinti lui stesso con le sue mani) e la collezione di quadri conservata nella casa.

LA VISITA ALLA CLARENCE HOUSE
Fino a qui tutto piuttosto interessante, ma il pezzo forte per gli appassionati delle vite delle teste coronate è appunto la visita virtuale all'interno della residenza di Londra. Si può seguire una sorta di tour guidato che si svolge attraverso un percorso scandito da didascalie, video, foto dei reali e degli oggetti preziosi e immagini a 360° delle stanze.

IL VIDEO


Oppure si può andare in giro per i fatti propri, passando da un ambiente all'altro esattamente come si fa con Google Street View. Il lussuoso ingresso dà accesso per esempio alla Morning Room, nella quale spicca un tavolino con le foto di famiglia; da lì si entra nella Library, l'intima biblioteca che funge da piccola sala pranzo e dove la Regina Madre incontrava i capi di stato in visita. Si prosegue poi nella sala da pranzo principale, dove il principe riceve gli ospiti numerosi e tiene i banchetti di famiglia. Il giro include poi la Lancaster Room, la Blue Drawing Room, la Ball Supper Room e la Pink Dining Room, e consente anche di sbirciare nei giardini del palazzo.


Leggi anche:
- Il principe Carlo legge Harry Potter ai nipotini
- La Regina Elisabetta cerca uno chef: ecco come candidarsi
- Il principe Carlo ha una passione sfrenata per gli scoiattoli