Lavare e conservare i piumini letto
Lavare e conservare i piumini letto

E’ quasi tempo di sostituire il piumino letto per passare a coperte più leggere. Rispetto ai modelli sintetici il piumino in vera piuma d’oca richiede una particolare attenzione. Ecco come prendersi cura del piumino prima di riporlo in attesa del prossimo inverno.

Molti pensano che il piumino d’oca non possa essere lavato in lavatrice ma in realtà non è così. Chi dispone di una lavatrice con una portata minima di 12 kg e con la possibilità di scegliere una temperatura di lavaggio di 40° o inferiore, può tranquillamente lavarlo a casa senza ricorrere alla lavanderia. E' importante seguire attentamente le indicazioni riportate sulla targhetta del piumino. Non è necessario lavare il piumino ogni anno, tranne nel caso in cui siano presenti delle macchie. Tra un lavaggio e l’altro il consiglio è di lasciare passare 2 o 3 anni.

Per quanto riguarda la sua asciugatura, l’ideale è di stendere il piumino all’aperto evitando di esporlo al sole. In alternativa lo si può mettere in un’asciugatrice capiente, in questo modo si eviterà che l’umidità residua possa danneggiare le piume.

Una volta asciutto, il piumino d'oca andrà riposto all’interno di un sacco di cotone o in altre fibre naturali. La soluzione ottimale è di riporlo in un luogo asciutto. La piuma d’oca ha bisogno di respirare, se conservata sottovuoto in sacchi di plastica o qualsiasi altro contenitore che impedisce la traspirazione, il piumino si rovina.

Nel corso della stagione invernale è importante arieggiare il piumino quotidianamente. Scuotilo con delicatezza per eliminare la polvere e per ridare volume alle piume.