"Non è solo la mia azienda, è la mia famiglia e la mia vita". Così Maria Peserico racconta la storia di del marchio del Made in Italy e della sartorialità che porta il suo cognome. Brand , da lei stessa fondato nel 1962 e portato avanti dagli anni Duemila a oggi dal figlio Riccardo Peruffo, Ceo dell’azienda di Cornedo Vicentino (Vicenza) e dalla moglie Paola Gonella che con lui divide la direzione creativa. Nel vicentino è concentrata tutta l’azienda con logistica, produzione, outlet e uffici. Il 2020 si è chiuso con un fatturato che ha ceduto del 15% rispetto al 2019, causa pandemia. Per il 2021 i segnali sono positivi, fin dal primo trimestre con in agenda almeno 10 aperture nel mondo, mentre il prossimo anno si festeggeranno i settant’anni. Peserico comincia dal 24 settembre alla Milano Fashion Week con la collezione femminile per la prossima estate.

Maria Peserico cominciò con un laboratorio di pantaloni da donna poi aggiunse le gonne e, grazie al marito Giuseppe Peruffo, nacque la prima collezione eponima. Oggi Peserico crea, produce e distribuisce e, vende in 1.100 punti vendita al mondo e ha 20 monomarca. A Milano mostrerà anche una capsule da sera per l’estate 2022. Intanto l’azienda si gode il successo del lancio della prima collezione uomo a gennaio scorso e presto nei negozi arriverà la collezione maschile per questo autunno-inverno che ha già conquistato 150 boutique. Un progetto che serve a testare il mercato. Un’azienda dinamica: recentemente ha promosso un polo di maglieria a Novi di Carpi.

E.D.