Richard Nixon, involontario protagonista di uno storico pesce d'aprile - Foto: ANSA
Richard Nixon, involontario protagonista di uno storico pesce d'aprile - Foto: ANSA

Se con i nostri pesci d'aprile al massimo facciamo abboccare qualche amico, c'è chi si muove a un altro livello e lancia l'amo a milioni di boccaloni. Dovremmo ormai essere abituati a prendere con le pinze qualunque notizia circoli il 1° aprile, e invece ci caschiamo ancora e ancora. Ecco alcune delle burle che sono passate alla storia, con protagonisti fra gli altri un falso Richard Nixon, gli alberi degli spaghetti, quei mattacchioni impenitenti di Google e Richard Branson.
 

Nixon si ricandida a presidente

Nel 1992 Richard Nixon, il presidente meno amato (eufemismo) della storia degli Stati Uniti, annuncia ai microfoni della radio NPR l'intenzione di ricandidarsi, a vent'anni di distanza dalle sue dimissioni in seguito allo scandalo Watergate. Lo slogan della nuova campagna: "Non ho fatto niente di sbagliato, e non lo farò più". Nella seconda parte del programma viene svelato che si tratta di uno scherzo e che la voce di Nixon era quella del comico e imitatore Rich Little. Nel frattempo però la redazione era stata tempestata di telefonate dagli ascoltatori, che ci tenevano a far sapere all'ex presidente che anche no, grazie, una volta era stata più che sufficiente.
 

Gli spaghetti crescono sugli alberi

Uno dei pesci più celebri mai ideati. Il primo aprile del 1957 la BBC manda in onda un reportage sulla raccolta degli spaghetti – particolarmente abbondante quell'anno grazie all'inverno mite – cresciuti sugli alberi in Svizzera. Allora gli spaghetti non erano un piatto comune nel Regno Unito e molti ignoravano come vengono fatti. Il giorno dopo centinaia di spettatori telefonano all'emittente per chiedere come possono coltivare il loro albero di pasta a casa e la BBC risponde: "Mettete una manciata di spaghetti in una lattina di sugo e incrociate le dita".
 

Un UFO sui cieli di Londra

Nella notte del 31 marzo 1989 centinaia di persone avvistano incredule un UFO sorvolare i cieli di Londra. Quando l'astronave atterra poco fuori città, sul luogo accorre la polizia allarmata. Si apre lo sportello del velivolo e ne esce… E.T.? Si tratta in realtà di un uomo travestito come l'extraterrestre del film, il disco volante è solo una mongolfiera attrezzata di luci stroboscopiche e dentro c'è Richard Branson, il multimilionario boss di Virgin. I poliziotti minacciano di arrestare i due buontemponi, ma alla fine si fanno anche loro una risata e lasciano correre.
 

Niente Internet se sei ubriaco

Un articolo pubblicato nel 1994 sulla rivista PC Computing svela i retroscena di un progetto di legge in discussione al Congresso, che vieterebbe l'utilizzo di Internet alle persone in stato di ebbrezza. Nonostante il nome del contatto citato nel pezzo, Lirpa Sloof (che letto al contrario fa April Fools), molti lettori si bevono la bufala.
 

I pesci di Google

Quelli di Google hanno un'autentica passione per i pesci d'Aprile: hanno cominciato con il primo scherzo nel 2000 e da allora non hanno più saltato un anno. Fra le varie burle: la bevanda Google Gulp che migliora la capacità di utilizzare il motore di ricerca aumentando la tua intelligenza; Gmail Paper, un servizio gratuito grazie al quale puoi chiedere a Google di stampare le tue e-mail su carta e di spedirtele per posta; Google Play for Pets che distribuisce app per cani e gatti; l'annuncio della creazione del primo insediamento umano su Marte (in collaborazione con la Virgin di Branson, ancora lui), con tanto di modulo di domanda per unirsi alla spedizione.
 

La Liberty Taco Bell

Il 1° aprile del 1996 la catena di fast food Taco Bell pubblica su diversi quotidiani nazionali l'annuncio di avere acquistato la campana Liberty Bell, uno dei massimi simboli degli Stati Uniti, che sarà ribattezzata Liberty Taco Bell. Esplodono le proteste di migliaia di cittadini americani, prima che la catena sveli lo scherzo.
 

Pi greco, addio

3,1415926535… Il Pi greco è una costante matematica fondamentale, ma diciamolo, è troppo complesso. E così nel 1998 circola la notizia che lo stato dell'Alabama avrebbe intenzione di fissare per legge il valore del Pi greco a un più comodo, semplice e rotondo 3. L'amministrazione dell'Alabama viene tempestata di telefonate, ma poi si scopre che la notizia è un pesce di aprile messo in circolo dal fisico Mark Boslough, noto per lo spirito burlone.