La partita del cuore 2021
La partita del cuore 2021

Roma, 25 maggio 2021 - La Nazionale cantanti vince 7-5 la Partita del cuore 2021. Dopo una vigilia caratterizzata dal 'caso' Aurora Leone, si scende in campo. All'Allianz Stadium di Torino si gioca la trentesima edizione de 'La partita del cuore': Nazionale italiana cantanti contro Campioni per la ricerca. La sfida, per la prima volta, è in diretta su Canale 5 con la conduzione di Federica Panicucci.

Chi è Aurora Leone: da Italia's Got Talent ai The Jackal

Tutte le reazioni. Ruggeri: "Allontanata da due volontari"

La bionda conduttrice di 'Mattino 5', tutta di bianco vestita, dà il via alla serata di festa che ha l'obiettivo di raccogliere fondi per sostenere l’Istituto di Candiolo - Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro onlus. Suggestivo l'arrivo del pallone dal cielo grazie ai paracadutisti della Folgore mentre sul campo suona l'inno d'Italia. Quindi un minuto di silenzio per le vittime della funivia di Stresa Mottarone.

A iniziare la partita con la maglia dei Campioni per la ricerca, in bianconero, è la formazione delle Juventus Women per ribadire che il calcio è inclusione e chiudere definitivamente la brutta pagina aperta alla vigilia quando la comica Aurora Leone del collettivo The Jackal era stata allontanata dalla cena ufficiale del match dal direttore generale della Nazionale cantanti, Gianluca Pecchini (che poi si è dimesso), in quanto donna.

L'undici iniziale dei cantanti di mister Fabio Capello, è così composto: Dida, Bocelli, Maicon, Ligabue, Sorrentino, Bugo, Allegri, Ribery, Moreno, Ruggeri, Boosta. Grande assente è Gianni Morandi che è ancora alle prese con la riabilitazione dopo l'incidente domestico dell'11 marzo, quando il cantante di Monghidoro aveva riportato ustioni alle gambe e alle mani (il Gianni Nazionale, però, manda un affettuoso videomessaggio).

Il primo gol è della juventina Cristiana Girelli, di testa, dopo appena sette minuti, il raddoppio, sempre di testa di Andrea Staskova all'11. Dopo un quarto d'ora, le ragazze della Juventus Women lasciano spazio ai Campioni per la Ricerca dove figurano, tra gli altri, Pirlo, Buffon, Elkann, Leclerc, Sainz, Cassani, Marcorè allenati da Sinisa Mihajlovic. 

I cantanti accorciano le distanze con il rapper Moreno al 20', in diagonale, dopo una bella corsa a campo aperto. Quindi l'omaggio Franco Battiato: sui maxischermi dello stadio l'immagine del maestro mentre scorrono le note de 'La cura', applausi a scena aperta.

Nella Nazionale Cantanti il più scatenato è Franck Ribery, che al 33' arriva davanti a Buffon, si ferma, si guarda indietro e scarica alle spalle per Sorrentino, che insacca il 2-2 infilando l’ex collega. Il pareggio dura poco: i Campioni della Ricerca tornano avanti con il pilota della Ferrari, Leclerc. Sul finale di primo tempo, tra le fila della Nazionale Cantanti esce Max Allegri, che in campo ha incrociato da avversario l’attuale allenatore della Juventus, Andrea Pirlo.

In avvio di ripresa, mentre John Elkann commenta il gol del pilota della Ferrari - "Una bella rivincita rispetto a domenica” dice Elkann - in campo arriva il 4-2 dei Campioni per la Ricerca, firmato da Santini. Subito dopo, per la Nazionale Cantanti va in rete Ribery con un destro piazzato sul secondo palo. Al 64' il pari (4-4) con il solito Ribery. E subito dopo i Cantanti fanno il 5-4 con Moreno (che esulta come CR7). Il 6-4 è di Maicon.

Intanto Max Allegri a bordo campo commenta: "Mi sono veramente divertito, anche per lo scopo della serata e anche se mancava la cornice di pubblico degli anni passati. E' sempre bello ritrovare amici e ragazzi che danno la disponibilità per serate in cui si fa del bene".

La partita si riaccende all'80' quando Santini segna il quinto gol (doppietta per lui) per i Campioni della Ricerca, ma dopo cinque minuti i Cantanti fanno il 7-5 con Zoara (Max dei B-Nario) appena entrato. Nel frattempo lascia il campo Ribery (rientra Max Allegri). "Per me è sempre un piacere quando sono sul campo, mi sento come un bambino" commenta il calciatore francese. E aggiunge: "L’Italia mi ama? Anche io, spero di restare: sono contento di giocare qua, sono contento con la Fiorentina, cerchiamo una soluzione per continuare. Gattuso? Sono contento per la società e la città, prima che un grande allenatore è un grande campione".

La partita finisce 7-5 per i cantanti ma la gara di solidarietà va avanti: fino al 3 giugno è possibile sostenere l’Istituto di Candiolo - Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro onlus, presieduta da Donna Allegra Agnelli, chiamando o mandando un messaggio al numero solidale.