Lunedì 17 Giugno 2024

Paperino, novant’anni come noi. La Disney festeggia il suo antieroe

Il papero Paperino, icona della Disney, festeggia il suo 90° compleanno. Imperfetto e umano, ha conquistato il pubblico con la sua personalità birichina e autentica, diventando un simbolo internazionale dell'azienda. La sua popolarità è cresciuta grazie alla sua capacità di emozionare e divertire, diventando un personaggio amato in tutto il mondo.

Paperino, novant’anni come noi. La Disney festeggia il suo antieroe

Paperino, novant’anni come noi. La Disney festeggia il suo antieroe

È il 9 giugno 1934. Un papero bianco vestito da marinaretto fa il suo debutto nel cortometraggio animato ‘La Gallinella Saggia’. Si chiama Donald Duck, Paperino in italiano. Dispettoso, birichino, goffo, con quella voce gracchiante è pensato per essere un carattere di supporto, ma dalla prima apparizione conquista la scena, il pubblico e i creatori della giovane casa di produzione che lo ha fatto nascere. Lo studio fondato nel 1923 da Walt Disney in un piccolo ufficio di Los Angeles ha già come simbolo un altro animale stilizzato, Topolino.

È proprio con Mickey Mouse che il papero torna sullo schermo, nell’estate del 1934, per cantare davanti a una platea di orfanelli, in una serata di beneficenza. Da quel momento non si ferma più: nascono altri cortometraggi, cartoni animati, riviste e un’infinità di prodotti di merchandising. Insieme al personaggio, cresce anche la Walt Disney Company, che oggi è una potenza internazionale con decine di marchi quotati in borsa, parchi a tema, resort, navi da crociera, piattaforme di streaming, produzioni da centinaia di milioni di dollari e un valore complessivo di circa 200 miliardi di dollari.

Un impero in festa per il 90 esimo compleanno del suo anti-eroe più longevo e umano. "Il segreto del successo di Donald? Rispetto a Topolino, sempre saggio e preciso, Paperino è imperfetto come noi. Si arrabbia, sbaglia, perde la testa quando è innamorato e urla quando è frustrato. Invidioso o burlone, calcia, strepita e urla come tutti vorremmo fare", riassume Becky Cline, 64 anni di cui 15 a capo degli archivi che la Disney custodisce nel gigante compound di Burbank, appena fuori Los Angeles, dove la compagnia si è trasferita dopo il successo di Biancaneve nel 1937.

"Negli anni ‘40 era così popolare negli Usa che il governo lo utilizzò per fare propaganda a sostegno dell’impegno nella seconda guerra mondiale. Nel 1943 fu lui (non Topolino) il protagonista della campagna per incentivare gli americani a pagare le tasse per la prima volta, come sforzo bellico", spiega Cline. In quanto ‘figlio secondogenito’ dell’azienda, Donald ha sempre avuto alcune libertà in più rispetto a Mickey, soprattutto in materia di licenze. Da subito, cominciò ad apparire su bottiglie di soda, latte di fagioli o crackers.

Il vicepresidente creativo per i prodotti di consumo, Stéphane Kardos, che lavora per l’azienda da 27 anni, spiega che Donald è un personaggio "estremamente popolare in Europa per la sua personalità: è divertente, ironico, autentico". Per questo motivo, Disney ha deciso di riportarlo sotto i riflettori per il suo 90° compleanno, collaborando con decine di marchi per creare oggetti di uso comune o da collezione a lui dedicati.