L'orso tibetano, una delle specie che vive nelle foreste del panda selvatico
L'orso tibetano, una delle specie che vive nelle foreste del panda selvatico

Quando bisogna portare avanti un progetto di conservazione, puntare su un animale carismatico e celebre come testimonial aiuta parecchio. È più facile smuovere governanti e opinione pubblica, e proteggendo la mascotte si proteggono anche le altre specie meno "spendibili" che vivono nel suo habitat. La strategia della specie ombrello è stata utilizzata in Cina con il panda e in altre zone del mondo puntando sulle star faunistiche locali. Tuttavia, un recente studio della Michigan State University, dell'Università Fudan di Shanghai e di altri istituti ha scoperto che alcuni "vicini di casa" dell'orso probabilmente avrebbero da ridire sull'approccio panda-centrico e che non se la passano bene quanto lui.
 

A ogni animale il suo

"La popolarità del panda gigante, così come la popolarità di altri amati animali in pericolo in giro per il mondo, ha permesso di compiere enormi progressi nella protezione delle foreste e di altri habitat", dice uno degli autori, Jianguo Liu, "ma questo studio è un importante promemoria che non possiamo dare per scontato che ciò che va bene per il panda vada automaticamente bene anche per le altre specie. Animali diversi hanno esigenze e preferenze specifiche".
 

Nessuno pensa all'orso tibetano

Analizzando i dati raccolti grazie alle fotocamere trappola piazzate nelle foreste della Cina, i ricercatori hanno studiato come è cambiato nell'arco di un decennio (dai primi anni Duemila ai primi anni Dieci) l'habitat del panda e di sette specie sue coinquiline. Se l'orso bianconero gode di ottima salute, tre degli altri animali esaminati – l'orso tibetano, il capricorno della Cina e il rarissimo mosco nano – hanno sofferto una significativa perdita o degradazione del loro habitat. Le riserve protette sono studiate intorno alle esigenze del panda, molto specifiche, ma in questo modo non riescono a salvaguardare anche l'ambiente delle altre specie minacciate che abitano nei dintorni.
 

I limiti dell'approccio della specie ombrello

Per quanto la strategia della specie ombrello abbia prodotto risultati fondamentali nel caso del panda e di altri animali carismatici, ha anche delle controindicazioni che rischiavano di passare inosservate. È necessario ampliare la prospettiva: "La Cina e i Paesi che si trovano ad affrontare queste sfide per la conservazione della fauna", conclude l'autore principale Fang Wang, "hanno l'opportunità di passare dalla conservazione delle singole specie alla protezione delle comunità di animali e degli ecosistemi".

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Biological Conservation.


Leggi anche:
- Panda selvatici, un documentario racconta il loro corteggiamento in natura
- Perché i polpi prendono a pugni i pesci?
- 10 felini bellissimi che non avevi mai visto