Oggi è il pancake day
Oggi è il pancake day

Non abbiamo ancora finito i dolci di Carnevale, c’è chi ha ancora in frigo una fetta della torta di San valentino, e già oggi si festeggia una golosa ricorrenza, il pancake day. Un’usanza che arriva dal mondo anglosassone, dove queste frittelle che assomigliano un poco alle crepes, ma sono più alte (1-2 centimetri), rappresentano un classico della prima colazione e del brunch, ma sono anche un gustoso dessert. Facili e rapide da preparare, si accompagnano per tradizione con lo sciroppo d’acero, ma in Italia vengono spesso preferite con miele liquido, frutta, marmellata o crema di nocciole.

Perché questa festa proprio oggi? Perché è martedì grasso, ed è l’ultimo giorno utile per indulgere alle golosità prima del periodo della Quaresima. Sempre secondo l’usanza anglosassone, questo dolce rappresentava anche un modo per finire tutti quegli ingredienti (uova, farina, burro ecc.) che poi non si sarebbero potuti mangiare in Quaresima. Ci sono diverse varianti di pancake: dolci ma anche salati, vegani, con vari tipi di farine, ma qui riportiamo la ricetta classica made in Usa.

Mercoledì delle Ceneri: significato, perché si chiama così. Il precetto del digiuno

Ingredienti (per circa 12 pancakes)

2 uova intere
4 cucchiai di zucchero (semolato o di canna, a piacere)
Olio di semi di girasole oppure olio evo circa 2 cucchiai (o 30 gr. di burro fuso)
220 gr. di farina 00
200 ml. di latte
1 cucchiaino di aceto
1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci (oppure mezzo cucchiaino di lievito e un quarto di bicarbonato di sodio)
Sale q.b.
Burro q.b.
Zucchero a velo q.b.








Preparazione

Sbattere con una frusta a mano o elettrica le uova con lo zucchero, poi aggiungere gli altri ingredienti e formare un impasto fluido ma non troppo liquido, da far riposare in frigo almeno un’ora prima della frittura. Ungere con un po’ di burro una padellina antiaderente e versarvi una cucchiaiata di impasto, fare cuocere per circa due minuti ogni lato, e una volta cotti metterli impilati su un piatto e spolverati con zucchero a velo. Servirli accompagnati con sciroppo d’acero, o miele, o frutta o marmellate, a piacere.

La variante

Nei pancake statunitensi molto spesso al posto del latte si usa il latticello o buttermilk, che li rende ancor più soffici. Si tratta della parte liquida, acida e senza grassi, che rimane dopo aver preparato il burro artigianalmente. Lo si trova in vendita in alcuni supermercati e negozi di alimentari. Lo si può preparare in casa montando la panna fresca (con la frusta elettrica ci vuole circa mezz’ora) fino a che non diventa burro, il liquido che resta è il latticello. Con 250 ml. di panna fresca liquida si ottengono circa 120 ml. di latticello e 90 gr. di burro. Se si usa il lattocello, non si mette l'aceto.

gloriaciabattoni@gmail.com