'Tre piani' di Nanni Moretti
'Tre piani' di Nanni Moretti

Sono 18 i lungometraggi italiani che si sfidano per rappresentare l'Italia agli Oscar 2022, nella categoria miglior film internazionale: ci sono lavori di registi già affermati, come Nanni Moretti, Paolo Sorrentino, Pupi Avati, Giuseppe Tornatore e Mario Martone, ma anche opere d'esordio ('Mondocane' di Alessandro Celli) e un film d'animazione ('Yaya e Lennie - The Walking Liberty' di Alessandro Rak).

I film italiani in corsa

Ecco l'elenco completo, in ordine alfabetico:

'3/19' di Silvio Soldini
'A Chiara' di Jonas Carpignano
'Ariaferma' di Leonardo Di Costanzo
'L'arminuta' di Giuseppe Bonito
'Il cattivo poeta' di Gianluca Jodice
'È stata la mano di Dio' di Paolo Sorrentino
'Ennio' di Giuseppe Tornatore
'I fratelli De Filippo' di Sergio Rubini
'Freaks Out' di Gabriele Mainetti
'I giganti' di Bonifacio Angius
'Lei mi parla ancora' di Pupi Avati
'Mondocane' di Alessandro Celli
'Parsifal' di Marco Filiberti
'Qui rido io' di Mario Martone
'La scuola cattolica' di Stefano Mordini
'Supereroi' di Paolo Genovese
'Tre piani' di Nanni Moretti
'Yaya e Lennie - The Walking Liberty' di Alessandro Rak


















Cosa succede adesso: le scadenze

A fronte di questi diciotto film, l'Associazione nazionale delle industrie cinematografiche, audiovisive e multimediali (ANICA) deve ora selezionare quello che sarà presentato all'Academy in rappresentanza dell'Italia e nella speranza di agguantare una nomination e, chissà, magari pure una vittoria (non succede dal 2014, con 'La grande bellezza').

Le tempistiche sono queste: il 26 ottobre l'ANICA voterà il titolo designato, poi la palla passerà all'Academy, che dovrà considerare le proposte ricevute da decine di paesi nel mondo e quindi stilare una shortlist all'interno della quale designare la cinquina finale. L'8 febbraio 2022 saranno annunciate tutte le candidature, mentre la cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles il 27 marzo.