Gli Oscar 2022 sfidano il Coronavirus e tornano alla tradizione
Gli Oscar 2022 sfidano il Coronavirus e tornano alla tradizione

La pandemia di Coronavirus continua a far tremare l'industria del cinema e per esempio alcuni film hanno già subito uno slittamento dell'uscita o un passaggio direttamente allo streaming (per esempio 'Red'): ciononostante la cerimonia degli Oscar 2022 si svolgerà come ai vecchi tempi, con le star di Hollywood raccolte nella sala del Dolby Theatre e, per la prima volta in tre anni, con un presentatore ufficiale. L'ha annunciato Craig Erwich, boss di ABC, che però non ha voluto rivelare il nome di chi si occuperà di condurre lo show. Alcune speculazioni ipotizzano che potrebbe addirittura trattarsi di Tom Holland, fresco del trionfo al botteghino di 'Spider-Man: No Way Home', ma si tratta appunto di una speculazione e non è affatto detto che corrisponda a verità.

Per approfondire: 'Red', il film Pixar esce direttamente in streaming causa Coronavirus
 


Gli Oscar tornano alla tradizione

La cerimonia degli Oscar 2022 è prevista per il 27 marzo e si terrà presso il Dolby Theatre, dopo che nel 2021 la pandemia aveva costretto gli organizzatori a limitare la presenza delle star e a dividere lo show in due location differenti. Già in quell'occasione si era ripetuta l'assenza di un conduttore/presentatore: l'ultimo era stato Jimmy Kimmel, nel 2018. L'edizione 2019 avrebbe dovuto essere presentata dal comico Kevin Hart, ma alcune polemiche su suoi vecchi tweet avevano spinto l'Academy a tirarsi indietro, poi a ripensarci, senza però riuscire a convincere Hart che, infastidito, aveva deciso di mollare il colpo. Così si scelse di fare a meno del conduttore, affidando a una serie di star ospiti il compito di portare avanti lo spettacolo.

Per approfondire: Oscar 2022: i film che puntano alla nomination

La doppia sfida 

Il ritorno alla tradizione, ma nel rispetto delle norme di sicurezza imposte dalla pandemia, rappresenta la prima grande sfida che attende gli Oscar 2022. La seconda riguarda recuperare il favore del pubblico e della critica, che negli ultimi anni non hanno premiato la kermesse e che, in termini di audience, hanno fatto registrare un calo enorme: l'edizione 2021 ha portato davanti alle televisioni 10,4 milioni di spettatori, vale a dire il numero più basso da quando Nielsen ha iniziato a tenere il conto, nel 1974.