Un'immagine stilizzata della statuetta degli Oscar (Ansa)
Un'immagine stilizzata della statuetta degli Oscar (Ansa)

Finalmente è giunto il momento della cerimonia degli Oscar 2021, che avendo risentito della pandemia di Coronavirus ed è stata posticipata nella notte fra il 25 e il 26 aprile. L'evento ha una portata globale, perché assegna il premio più famoso al mondo in ambito cinematografico, e dunque può essere guardato in diretta anche qui in Italia, scegliendo fra l'offerta di Sky Cinema e quella di TV8.

Notte degli Oscar, la guida: dai presentatori alle nomination

Oscar 2021, chi sono i favoriti

Oscar 2021, la grande notte in diretta

Oscar 2021, dove vedere la diretta in TV

Per gli abbonati Sky è possibile sintonizzarsi sul canale 303, rinominato per l'occasione Sky Cinema Oscar. L'inizio delle trasmissioni è previsto per le 22:45 di domenica 25 aprile e poi la diretta della cerimonia proseguirà fino all'alba del giorno successivo. A latere dell'evento, sempre su Sky, sempre al canale 303, dal 17 al 30 aprile sono in programmazione oltre novanta film premiati nelle precedenti edizioni (disponibili anche on demand su NOW TV).
Coloro che non fossero abbonati a Sky possono sintonizzarsi sulla diretta in chiaro che andrà in onda su TV8, a partire da mezzanotte e un quarto e che proseguirà per tutta la nottata.

Quali account social seguire

Qui c'è l'imbarazzo della scelta, perché una quantità di star sono anche attive sui social. Visto che è candidata nella categoria riservata alla migliore canzone originale, l'account Instagram della nostra Laura Pausini è fonte imperdibile. Poi c'è quella istituzionale dell'Academy, su Instagram come su Twitter. Per il resto, il consiglio è di provare a scegliere un approccio "laterale", nel senso di seguire qualcuno che non è abituato ai riflettori degli Oscar e che può fornire un punto di vista originale sull'evento. Per esempio Emerald Fennell, autrice di 'Promising Young Woman' e candidata per la migliore regia e la migliore sceneggiatura, o anche Darius Marder ('Sound of Metal'), che è forse più di ogni altro il rappresentante del cinema indipendente presso l'Academy.