8 mar 2022

"Noi, tutti figli dei Soliti ignoti" Commedia (criminale) all’italiana

Massimiliano Bruno dirige il terzo capitolo della saga dei delinquenti sgangherati

giovanni bogani
Magazine
Tognazzi,. Giallini e. Morelli in “C’era una volta il crimine“ di Massimiliano Bruno
Tognazzi,. Giallini e. Morelli in “C’era una volta il crimine“ di Massimiliano Bruno
Tognazzi,. Giallini e. Morelli in “C’era una volta il crimine“ di Massimiliano Bruno

di Giovanni Bogani Personaggi italiani, un po’ vigliacchi, cialtroni, sordiani che si riscattano di fronte ai grandi appuntamenti della Storia. Che da sciagurati sanno persino diventare eroi. Parliamo de La grande guerra, il capolavoro di Mario Monicelli? Beh, sì e no. Parliamo del fatto che ancora, a sessant’anni di distanza, la commedia all’italiana ha ben forti le sue radici nel cinema dei nostri giorni. Molti registi sono figli, o nipoti, di Monicelli e di Dino Risi, di Scola e, perché no, di Lina Wertmuller. Come Massimiliano Bruno: attore di immediata simpatia, ma in questo caso soprattutto regista di Non ci resta che il crimine, terzo atto di una saga iniziata con C’era una volta il crimine, uscito all’inizio del 2019, buon successo in sala. Poi il Covid, un secondo capitolo andato in streaming. E adesso, di nuovo al cinema. Dopodomani esce C’era una volta il crimine. E di nuovo troviamo una sgangherata banda di amici, criminali da niente, che per un "buco" temporale si ritrova catapultata nel 1943. E cerca di rubare la Gioconda ai francesi. Incontrando Mussolini e Hitler. In fondo, quando si parla di una banda di sciagurati amici di fronte a un "colpo" improbabile, sono sempre loro che tornano davanti ai nostri occhi. I soliti ignoti, le facce smarrite di Gassman e Mastroianni: diventate quelle di Marco Giallini, Gian Marco Tognazzi, Edoardo Leo, Giampaolo Morelli. Un gruppo di amici sciagurati che cercano, in modo maldestro, di "svortare", come dicono a Roma. La storia di tanta commedia all’italiana è proprio questa: il sogno di "svortà". Magari scassinando la "commare", la cassaforte dei Soliti ignoti di Monicelli. Cercano di "svortà" i protagonisti del film di Massimiliano Bruno, cresciuto a pane e Monicelli. Ma anche a pane e poliziottesco. "Dentro C’era una volta il crimine c’è anche il cinema di genere ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?