Spencer Elden su Instagram con l'album dei Nirvana
Spencer Elden su Instagram con l'album dei Nirvana

Spencer Elden ha fatto causa alla band dei Nirvana sostenendo che la celebre immagine dell'album 'Nevermind' costituisce un atto di pedopornografia nei suoi confronti: Elden è infatti il bambino ritratto nudo sulla copertina del disco uscito nel 1991. All'epoca aveva quattro mesi, oggi ha trent'anni. All'epoca lui e i suoi genitori vennero compensati con duecento dollari, oggi si punta a molto di più.
 

La copertina di 'Nevermind' dei Nirvana

L'immagine è quella di un bambino che nuota in una piscina con i genitali scoperti. L'aggiunta in digitale di un biglietto da un dollaro, appeso a un amo, lascia intendere che il bimbo stia nuotando verso il denaro. Cosa che ha sempre fatto interpretare la copertina di 'Nevermind' come un'accusa nei confronti del capitalismo, che corrompe gli esseri umani sin dall'inizio delle loro vite.
 

L'accusa di pedopornografia

Secondo quanto raccontato dal magazine Variety, nel diritto statunitense esiste un criterio per stabilire se un'immagine di nudo rientra oppure no nella pornografia: si tratta di capire se la foto in questione è una sessualizzazione o meno del soggetto ritratto, se dunque ci sono elementi sessuali espliciti. Per quanto riguarda i Nirvana, nel corso degli anni ha prevalso la convinzione che il bimbo in questione non fosse sessualizzato.

L'avvocato di Spencer Elden, che si chiama Robert Y. Lewis, sta però proponendo una diversa interpretazione: sostiene che la presenza del denaro lascia intendere che il bambino sia un "lavoratore del sesso" (leggi: prostituzione) e di conseguenza che siamo di fronte a pedopornografia. Dunque la causa non è stata fatta contro il fotografo Kirk Weddle, che nel 1991 realizzò lo scatto, bensì contro la band dei Nirvana, o meglio chi la rappresenta oggi, che diede la benedizione al fotomontaggio con la banconota e l'amo. Al momento non è chiaro se l'accusa di Elden ha qualche possibilità di dimostrarsi sensata, oppure se verrà rigettata senza tante cerimonie. In base a ciò che sappiamo, l'impostazione della causa non sembra avere solide basi, ma il verdetto spetta ad altri.