Una scena di 'Roma' – Foto: Esperanto Filmoj/Participant Media
Una scena di 'Roma' – Foto: Esperanto Filmoj/Participant Media

La rivoluzione era nell'aria da qualche giorno e ora è ufficiale: Netflix ha deciso che distribuirà nelle sale cinematografiche 'Roma' di Alfonso Cuaron, 'La ballata di Buster Scruggs' dei fratelli Coen e 'Bird Box' di Susanne Bier. Questi tre titoli potranno essere visti nel modo tradizionale prima della pubblicazione in streaming: la ragione è aumentare le possibilità di accaparrarsi candidature e vittorie agli Oscar, motivo per il quale l'uscita di cui stiamo parlando avverrà negli Stati Uniti e in un numero ridotto di copie. Si tratta comunque di una decisione aziendale che modifica la strategia seguita finora, che al massimo consentiva l'uscita in contemporanea, nel catalogo di Netflix come nelle sale, e solo in casi eccezionali.

OSCAR: I RISCHI DI NETFLIX
Quando 'Roma' di Alfonso Cuaron ha vinto il Leone d'Oro al Festival di Venezia di quest'anno, tra i membri dell'Academy si è sviluppato un intenso dibattito intorno alle modalità di fruizione del film. Secondo attendibili ricostruzioni della stampa statunitense, i più conservatori fra coloro che votano gli Oscar erano contrari all'idea che 'Roma' fosse distribuito solo via streaming oppure contemporaneamente nelle sale e anche in streaming.

LA RIVOLUZIONE DI NETFLIX PER AVERE PIÙ OSCAR
La contromossa di Netflix è stata dunque di non penalizzare i propri film "da premi" modificando il proprio modello di business. Scelta che tra l'altro ha un senso anche per il futuro: le prossime edizioni degli Oscar vedranno presumibilmente in corsa 'The Irishman' (diretto da Martin Scorsese e con Robert De Niro protagonista), 'The Laundromat' (diretto da Steven Soderbergh, con Gary Oldman, Meryl Streep e Antonio Banderas), ma anche 'The Last Thing He Wanted' (Dee Rees alla regia e nel cast Willem Dafoe, Ben Affleck e Anne Hathaway) e 'The King' (David Michod alla regia e Timothee Chalamet nei panni di re Enrico V).

QUALE TIPO DI USCITA NELLE SALE?
Netflix sta pensando a un'uscita in un numero limitato di sale e si sta rivolgendo alle catene indipendenti degli Stati Uniti perché sono quelle che non obbligano il servizio di streaming a far passare un lungo periodo di tempo tra la distribuzione cinematografica e la messa a disposizione on demand. Si tratta insomma di un compromesso, che però potrebbe soddisfare tutte le parti in gioco.

Ultimo dettaglio: la nuova strategia aziendale riguarda al momento solo i film che potrebbero comportarsi bene durante la cosiddetta award season. Dunque non si applica ad esempio a un blockbuster come '6 Underground', action diretto da Michael Bay e con Ryan Reynolds protagonista, che uscirà solo su Netflix.

Leggi anche:
- Bird Box, il film horror di Netflix: non aprire gli occhi. Il trailer
- La ballata di Buster Scruggs: il trailer del film dei Coen
- Prince, Ava DuVernay lavora a un documentario per Netflix