In Francia non mancano i formaggi, ma la mozzarella italiana è molto apprezzata
In Francia non mancano i formaggi, ma la mozzarella italiana è molto apprezzata

In Francia ci sono 246 formaggi, stando a una celebre citazione attribuita a Charles de Gaulle, ma in realtà il numero totale potrebbe arrivare anche al migliaio, a seconda delle stime. Con tutto questo ben di Dio caseario, che interesse potrebbero mai avere i cugini per, diciamo, la nostra mozzarella? Invece Oltralpe (dove finisce un quarto del formaggio esportato dall'Italia) è popolarissima, e anzi nell'anno del Covid e dei lockdown è stata il formaggio che ha registrato il maggior incremento di vendite.

I dati diffusi dall'ente pubblico FranceAgriMer (riportati dal sito Les Marchés) certificano che il 2020 è stato un anno record per i consumi domestici, cresciuti del 9,4% per quanto riguarda i formaggi vaccini e del 7,2% per quelli a base di latte di capra. La mozzarella ha avuto un'impennata del 21,2%, piazzandosi davanti al raclette (+12,2%), al comté (+8,2%) e all'emmental (+7,8%). Impiegato come ingrediente in varie ricette, ma anche eletto a comfort food in quanto tale, il formaggio ha quindi tratto vantaggio dalla pandemia, e le vendite ai privati hanno in parte compensato il calo di quelle destinate ai ristoranti, a lungo chiusi per le restrizioni anti contagio.

Il sito Food & Wine ha avanzato due ipotesi per questo ulteriore boom di apprezzamento della mozzarella. Uno, che anche i francesi si siano dati alla pizza fai-da-te. Due, che l'abbiano sperimentata come possibile alternativa fondente per la raclette (il piatto), considerando che nel 2020 le griglie per prepararla sono andate a ruba come mai prima e che a un certo punto si era diffusa una certa preoccupazione, in verità infondata, che le scorte del raclette (il formaggio) potessero esaurirsi.