'Mosul' racconta la guerra contro l'ISIS, ma dal punto di vista degli iracheni
'Mosul' racconta la guerra contro l'ISIS, ma dal punto di vista degli iracheni

Raccontare la guerra contro l'ISIS, ma dal punto di vista degli iracheni: è l'obiettivo del film 'Mosul', che esce in streaming su Netflix giovedì 26 novembre. La realizzazione della pellicola è stata accompagnata da qualche dubbio, perché il regista e sceneggiatore è Matthew Michael Carnahan, mentre i produttori principali sono i fratelli Anthony e Joe Russo (quelli che hanno diretto, fra le altre cose, 'Avengers: Endgame'). Cioè: tre bianchi e statunitensi che raccontano cosa pensano gli abitanti della città irachena di Mosul: il rischio di appropriazione culturale è dietro l'angolo, nonostante un cast di protagonisti coerenti con il contesto, dunque tutti di lingua araba. La critica che ha potuto guardare il lungometraggio in anteprima ha scritto che i rischi non sono stati dribblati completamente, ma che nel complesso siamo di fronte a un dramma di guerra solido e incalzante.


Mosul, tutto sul film

La trama è ispirata a una storia vera, raccontata anche dal magazine New Yorker in un articolo del 2017 intitolato 'The Desperate Battle to Destroy ISIS' e scritto da Luke Mogelson. Siamo a Mosul, la terza città più popolosa dell'Iraq, caduta in mano ai miliziani dello Stato Islamico nel 2014: a partire dal 17 ottobre 2016 inizierà l'offensiva contro l'ISIS da parte dell'esercito iracheno e dei curdi peshmerga, con la collaborazione delle forze speciali statunitensi. Ci vorranno quasi nove mesi e decine di migliaia di morti prima di potere annunciare la riconquista del capoluogo. All'interno di questo contesto, un poliziotto inesperto viene accolto all'interno dello Nineveh SWAT team, un gruppo di poliziotti iracheni capaci e addestrati, che inizia a compiere azioni di guerriglia nel tentativo di contrastare i miliziani invasori, eliminare una loro importante base operativa e ristabilire un minimo di legge e sicurezza fra le strade cittadine.

Grazie a 'Mosul' Matthew Michael Carnahan firma il suo esordio alla regia e la sua ottava sceneggiatura per il grande schermo, dopo titoli come 'The Kingdom' (storia di agenti del governo USA in missione nel Medio Oriente), 'Leoni per agnelli' (politici incompetenti che mandano al massacro soldati), 'State of Play' (un giornalista indaga sulla morte sospetta dell'amante di un deputato) e 'Deepwater: inferno sull'oceano' (ispirato ai fatti realmente accaduti sulla piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, esplosa nel 2010).

Il trailer in lingua originale e sottotitolato in inglese



Come guardare il film

'Mosul' dura un'ora e 42 minuti e Netlix sconsiglia la visione a spettatori troppo piccoli. Le abbonate e gli abbonati con la giusta età devono solamente attendere il 26 novembre, giorno dell'inserimento nel catalogo dei contenuti in streaming, e scegliere in autonomia quando e come guardare il film.

Leggi anche:
- Elegia americana, esce su Netflix il film di Ron Howard
- Chaos Walking, il trailer del film con Daisy Ridley e Tom Holland
- 'Halloween', il fan del film si fa sposare in punto di morte da Jamie Lee Curtis