Foto: Vivo film/Rai Cinema/Tarantula/VOO Be tv
Foto: Vivo film/Rai Cinema/Tarantula/VOO Be tv

Dopo il passaggio in concorso al Festival di Venezia 2020, il film 'Miss Marx' di Susanna Nicchiarelli esce nelle sale cinematografiche italiane giovedì 17 settembre, sfidando le restrizioni dovute alla pandemia di Coronavirus. Racconta la storia vera della figlia più piccola di Karl Marx, una delle prime donne ad avvicinarsi al socialismo e al femminismo: temi ancora oggi molto attuali. La critica presente alla Mostra del cinema ha scritto recensioni mediamente positive, pur senza gridare al capolavoro.


Miss Marx, tutto sul film

Eleanor Marx (1855-1898) è stata una donna colta, brillante, combattiva, capace di farsi degna erede delle idee paterne e di lottare attivamente per i diritti degli operai, contro il lavoro minorile e anche in favore della libertà delle donne. Un'attività pubblica che contrastò con la vita privata, in particolare l'amore appassionato per il biologo Edward Aveling, che la trascinò in un rapporto tossico.

'Miss Marx' è il quarto lungometraggio scritto e diretto da Susanna Niccharelli, dopo 'Cosmonauta' (2009), 'La scoperta dell'alba' (2013) e 'Nico, 1988' (2017). La scelta di dedicare un film a Eleanor Marx nasce soprattutto da un'osservazione: "Ai miei occhi", ha dichiarato Nicchiarelli, "Eleanor impersona la contraddizione tra ragione e sentimento, anima e corpo, emozioni e controllo, romanticismo e positivismo, femminilità e mascolinità. Le sue contraddizioni sono le stesse della vita vera e, come tali, non possono che restare irrisolte e irrisolvibili. Con il film, in ogni suo aspetto, ho cercato di mettere in scena proprio queste contraddizioni". Ecco dunque la sua signora Marx, convinta femminista e insieme incatenata a una relazione che la pretende succube, paladina della libertà e al contempo incapace di essere davvero libera. A dare corpo a questo personaggio troviamo l'attrice Romola Girai ('Suffragette', 'The Hour', 'Emma'), mentre Edward Aveling ha il volto di Patrick Kennedy ('Espiazione', 'War Horse').

Il trailer



Miss Marx, le recensioni

L'avventura al Festival di Venezia si è conclusa senza aggiudicarsi il Leone d'Oro o gli altri premi principali, ma 'Miss Marx' ha comunque raccolto applausi e, dei film italiani presentati in concorso, è stato quello mediamente più apprezzato. Hanno colpito positivamente l'attenta ricostruzione storica e il lavoro sulle inquadrature: Susanna Nicchiarelli spesso sottolinea come Eleanor Marx agisca all'interno dei gruppi di lavoratori o di attivisti, senza però riuscire ad appartenere davvero a un mondo prettamente maschile. Qualche dubbio è stato sollevato in merito all'uso della musica punk, considerata troppo in contrasto, e a un certo sbilanciamento fra il racconto della dimensione pubblica e quello della dimensione privata (la seconda è parsa ad alcuni troppo insistita).

Leggi anche:
- Venezia 77, 'Nomadland' di Chloe Zhao vince il Leone d'oro. Coppa Volpi a Favino
- Le strade del male, il film Netflix con Tom Holland
- Dune, online l'attesissimo e spettacolare trailer del film