Roma, 24 aprile 2021 - "Tutto il mondo del Teatro e della Musica italiana piange una grande artista. Ciao Rossa!". Così, sulla sua pagina Facebook, Gianni Morandi ricorda Milva, la cantante e interprete teatrale, malata da tempo, che si è spenta a 81 anni nella sua casa di Milano. Oggi arriva il tributo sui social da tutti i colleghi che hanno avuto la fortuna di lavorare con la 'pantera di Goro', dal paese del Ferrarese in cui era nata. "Milva era la cantante preferita di mia madre, nonostante io facessi la cantante - scrive Iva Zanicchi -. Mi diceva: "Tu sei mia figlia ma lei...". Era una delle poche vere artiste internazionali che l'Italia abbia partorito". "Era sempre molto misurata - ricorda Pippo Baudo -, di grande classe, non faceva la diva per niente". 

Milva la 'Rossa': la carriera tra musica e teatro

"Addio regina amazzone. Fa' buon viaggio sul nuovo sentiero", è il saluto di Claudio Baglioni, che posta una foto, datata 2018, che lo vede consegnare a Martina Corgnati sul palco dell'Ariston, durante il Festival di Sanremo, il premio speciale alla carriera attribuito alla "pantera di Goro". Anche Al Bano ha un ricordo preciso di Maria Ilva Biolcati: "Non la vedevo da 20 anni, ma sapevo tutto di lei tramite un amico comune. Milva è indimenticabile. E anche nella mia vita ha lasciato un'impronta importante. Quando mi chiamò per incidere insieme una nuova versione di 'Io di notte', un brano scritto da me nel 1966, ne fui onoratissimo. Io cantavo in italiano e lei in tedesco e il brano ottenne successo anche in Germania con il titolo di "Zuviele Nächte ohne dich"".

Claudio Baglioni ricorda Milva (Ans)

"Sono troppo triste per esprimere il mio dolore - ha scritto Cristiano Malgioglio - per la perdita di #milva , una amica, ma soprattutto la più grande Artista che il nostro Paese abbia mai avuto. Non so più cosa aggiungere. . . Non trovo le parole". Commossa anche Ornella Vanoni: "Milva se ne è andata la notizia mi ha colpita profondamente. L'ultima volta che l'ho chiamata non mi parlava ma mi faceva vedere che sfogliava il mio album. Due giorni fa sembrava fosse ancora normale, se normale era la vita che faceva. Un donna che ha avuto tutto, bellezza, talento, una voce meravigliosa ed una carriera straordinaria". E Enrico Ruggeri aggiunge: "Mi porto dentro questo momento, onorato per aver cantato con lei". 

Il ricordo di Malgioglio (Ansa)