Alcune compagnie aeree si sono attrezzate meglio di altre contro il rischio di contagi
Alcune compagnie aeree si sono attrezzate meglio di altre contro il rischio di contagi

L'emergenza Covid è tutt'altro che superata, ma la situazione sta migliorando in molti paesi e la possibilità di tornare a viaggiare per le vacanze estive non è un miraggio. Meglio però non abbassare la guardia, ad esempio scegliendo una compagnia aerea che garantisca elevati standard di sicurezza anti contagio. Uno strumento utile in questo senso sono le valutazioni di Skytrax, un'organizzazione di rating specializzata che da mesi sta conducendo indagini approfondite sulle misure di prevenzione adottate dalle compagnie.

I controlli sul campo di Skytrax prendono in considerazione tutte le fasi del viaggio, dal check-in al boarding, dal volo vero e proprio all'arrivo nell'aeroporto di destinazione, e tutti i servizi connessi a quanto compete alla compagnia (e quindi non quelli a carico dei gestori degli scali). Vengono valutate decine di fattori e protocolli: pulizia, distanziamento sociale dei passeggeri, tecnologia contactless adottata per ridurre al minimo le interazioni fra viaggiatori e personale, eccetera.

Attualmente l'Airline Safety Rating per il Covid-19 è stato completato per 28 compagnie aree e un'altra dozzina è in attesa del verdetto; la lista è quindi in continuo aggiornamento. Sono sei quelle premiate con il punteggio massimo di cinque stelle: airBaltic, All Nippon Airways (ANA), Fiji Airways, Japan Airlines, Oman Air e Qatar Airways. Un gradino sotto con quattro stelle, ma si parla sempre di ottimi standard, si trovano numerose compagnie internazionali e low cost: Air France, British Airways, easyJet, Emirates, Lufthansa, Ryanair e altre. Nella categoria tre stelle rientrano invece le compagnie giudicate "medie" nelle misure di protezione per i viaggiatori, fra cui Air Arabia, Blue Air e Wizz Air.

Insieme ai vettori, Skytrax censisce anche gli aeroporti; il primo a ricevere le cinque stelle è stato il Roma-Fiumicino.