25 gen 2022

Meta, in arrivo un super computer per costruire il Metaverso

L’azienda di Zuckerberg ha realizzato un computer con una potenza di calcolo da record 

Super computer futuristici
Super computer futuristici

Si chiama – molto poco romanticamente - l’AI Research SuperCluster ed è il nuovo super computer di Meta che servirà a gestire con estrema velocità la piattaforma per gestire la nuova realtà aumentata che sta sviluppando l’azienda americana. Il calcolatore non sarà connesso ad internet per ragioni di sicurezza e utilizzerà – secondo quanto riferito da Meta – soltanto dati anonimi e crittografati degli utenti.

Una potenza di calcolo senza precedenti
Il nuovo super computer di Meta potrà gestire miliardi di miliardi di operazioni al secondo. Immagini, video, file di testo, traduzioni e tutti gli strumenti necessari per la realtà virtuale saranno analizzati praticamente in tempo reale. Una potenza di calcolo che permetterà all’azienda di Zuckerberg di fare ulteriori passi in avanti nel progetto del Metaverso, garantendo che tutti i nuovi processi siano più veloci e performanti.
Il nuovo calcolatore – secondo quanto rivelato da Meta - potrà preparare un modello con decine di miliardi di parametri in sole tre settimane rispetto alle attuali nove che impiega un computer “normale”.
Questa potenza di fuoco aiuterà gli sviluppatori di Zuckerberg a costruire nuovi modelli di Intelligenza Artificiale che possano funzionare con lingue diverse e analizzare senza mai fermarsi miliardi di immagini e video, consentendo agli ingegneri di realizzare nuovi strumenti per la realtà virtuale da usare nel Metaverso.

Un computer scollegato da internet
Il nuovo AI Research SuperCluster – anche se può sembrare paradossale – non sarà connesso ad internet. Il motivo è – spiega Meta – quello di garantire la sicurezza dei dati elaborati dal super computer. Il calcolatore riceverà informazioni – anonime e criptate - esclusivamente dai data center dell’azienda americana e li decripterà solo nella memoria del sistema al momento di elaborarli.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?