7 giu 2021

Merenda con grinta: "Io, il più duro dei duri"

L’attore francese volto del poliziesco italiano anni ’70: "Bei ricordi e nessun rimpianto. Resto un solitario, mai sceso a compromessi"

giovanni
Magazine
Luc Merenda, 77 anni, ospite domani del festival di Spilimbergo
Luc Merenda, 77 anni, ospite domani del festival di Spilimbergo
Luc Merenda, 77 anni, ospite domani del festival di Spilimbergo

di Giovanni Bogani "Che cosa ho fatto di buono nella vita? Sono rimasto me stesso. Non sono mai cambiato per far piacere a qualcuno, non sono andato alle cene per lusingare un regista; sono sempre rimasto un solitario". Francese con origini italiane, cresciuto fra la Francia e gli Stati Uniti, arrivato a Roma nei ’70 quasi per caso, Luc Merenda è stato il solitario che ha anche lavorato con Steve McQueen, con Alain Delon, con il cantante Jacques Brel, persino col pugile che frantumò Nino Benvenuti, Carlos Monzon. Ma soprattutto, con un impermeabile e una pistola, è stato il più fascinoso commissario del cinema poliziesco italiano anni ’70: Sergio Martino lo diresse in Milano trema: la polizia vuole giustizia, in La città gioca d’azzardo, in La polizia accusa, il servizio segreto uccide. Un cinema duro, secco, violento, carnale, amaro, col colpo sempre in canna, a cui lui prestava il suo volto bello, lo sguardo magnetico. Domani Merenda sarà ospite delle Giornate della luce, festival in corso a Spilimbergo. Splendido settantasettenne ironico, che parla un italiano fluente e ricercato, e che può vantare tra i suoi fan Quentin Tarantino, Luc a Spilimbergo sarà intervistato dal critico Steve Della Casa, insieme ad altri protagonisti di quel “periodo d’oro“ del cinema italiano, da Fabio Testi al direttore della fotografia Blasco Giurato. Luc Merenda, qualche tempo fa aveva lasciato Parigi per il sud della Francia. Adesso la ritroviamo a Roma… "Sì! Roma è la città del mio cuore, da sempre. Dal primo giorno in cui sono arrivato, con mio padre, in barca risalendo il Tevere. Ho avuto, quasi mezzo secolo dopo, lo stesso shock di amore e di nostalgia per Trastevere. Non è cambiato niente nel mio cuore". I suoi film erano venduti in tutto il mondo. Anche in Africa e in Asia. Che cosa ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?