25 apr 2022

Meglio l’attimo dell’immortalità

di

Pupo

Se non torneremo presto a goderci il presente, l’attimo, non riusciremo più a dare un senso alla nostra esistenza. Perfino le più importanti scoperte scientifiche, le menti geniali capaci di guarirci e di allungarci la vita oltre i cento anni, perderanno valore e significato.

Se non ci scrolliamo di dosso quella arroganza e quella spocchia, che ci fanno sentire esseri superiori e, in qualche caso, follemente immortali, non ci sarà per noi speranza.

Eppure, basterebbe ogni tanto alzare gli occhi verso l’immensità che ci circonda. Ci vorrebbe poco per capire che il nostro passaggio su questa Terra è paragonabile ad un battito di ciglia. Non abbiamo tempo per nessuna presa di posizione, nessuna ripicca e nessuna differenza.

Solo se sapremo ritornare nella nostra minuscola dimensione e sapremo misurarci con l’attimo, potremo sperare di ridare dignità e spessore alle differenze, alle gerarchie e alle nostre miserie.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?