15 maggio 2019 - L'animazione italiana sta vivendo un momento di rinascita, riuscendo anche con i lungometraggi a competere a livello internazionale. Così (dopo l'incetta di premi fatta dai napoletani di Mad con "Gatta Cenerentola"), ecco che un lungometraggio animato  realizzato in coproduzione tra Italia e Francia e, soprattutto, realizzato da un grande artista italiano e ispirato a un libro di un grande scrittore italiano è tra i film più attesi del Festival di Cannes, dove è inserito nella sezione "Un certain regard". Si tratta di "La famosa invasione degli Orsi in Sicilia", scritto e diretto da Lorenzo Mattotti, un adattamento animato del libro di Dino Buzzati. Oltre che a Cannes (dove sarà proiettato il 21 e il 22 maggio) il film sarà al centro del concorso del Festival di Annecy (10-15 giugno), uno dei grandi appuntamenti mondiali del mondo dei cartoon. Il film (coprodotto da Prima Linea Productions, France 3 Cinéma, Pathé, Indigo Film, Rai Cinema) è un misto tra tecnica 2D e 3D. Gli sceneggiatori sono lo stesso Mattotti, Thomas Bidegain e Jean-Luc Fromental, con musiche di René Aubry.  Nei cinema italiani dovrebbe arrivare in ottobre. 

Le immagini che sono state diffuse in questi anni di lavorazione (il progetto del film è stato presentato per la prima volta al Cartoon Movie di Lione nel 2015) sono affascinanti, come tutte le illustrazioni di Mattotti, artista di livello internazionale. I brani in animazione che sono stati mostrati finora sono altrettanto entusiasmanti. La storia è quella di un gruppo di orsi, della loro invasione del “Granducato di Sicilia” per sfuggirer ai rigori dell'inverno e al rischio di carestia e per ritrovare Tonio (figlio del loro re) rapito dai cacciatori. Entrambi gli obiettivi vengono raggiunti, ma alla fine scopriranno che abitare nella città degli umani non è così bello come sembra e che gli orsi non sono destinati a vivere nella terra degli uomini. Nel cast delle voci per la versione italiana ci sono Toni Servillo, Antonio Albanese e Andrea Camilleri.

Per quanto riguarda il Festival di Annecy, oltre a Mattotti, tra i lavori italiani in concorso ci sarà anche "La stella di Andra e Tati", un commovente cartoon sulla Shoah, drammatico e pieno di speranza al tempo stesso. l film è prodotto da Larcadarte e Rai Ragazzi (in collaborazione con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca), diretto da Rosalba Vitellaro e Alessandro Belli, con i disegni di Annalisa Corsi e il coordinamento artistico di Enrico Paolantonio, con le voci di Leo Gullotta, Laura Morante e Loretta Goggi. Si racconta la storia delle due sorelle Bucci, Andra e Tati, (Alessandra e Tatiana, di madre ebrea e padre cattolico) che vennero deportate ad Auschwitz Birkenau il 29 marzo 1944 quando avevano 4 e 6 anni, ma che sono riuscite a sopravvivere e a scampare alla tragedia.