Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli durante la nuova edizione di Masterchef, in una foto diffusa il 16 gennaio 2019.
ANSA/ UFFICIO STAMPA 
++HO -NO - SALES EDITORIAL USE ONLY++
Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli durante la nuova edizione di Masterchef, in una foto diffusa il 16 gennaio 2019. ANSA/ UFFICIO STAMPA ++HO -NO - SALES EDITORIAL USE ONLY++

Roma, 17 gennaio 2019 – Al via MasterChef Italia 2019. Da stasera 17 gennaio (ore 21,15) su Sky Uno inizia l'edizione numero 8 del più celebre format televisivo legato alla cucina. E la prima novità si chiama Giorgio Locatelli. Lo chef stellato originario di Corgeno di Vergiate, sponda varesina del Lago Maggiore, che tiene alta la bandiera della cucina italiana in tutto il mondo – soprattutto a Londra – affiancherà gli storici giudici Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo. Locatelli, già visto a ‘MasterChef All Stars Italia’, di fatto prende il posto lasciato vacante da Antonia Klugmann.

Il quartetto dei giudici è protagonista di un simpatico video dei The Jackal - il gruppo di video maker napoletani molto noti sui social – dove, però, gli chef fanno una brutta fine. “Ogni volta che cucini male, uno chef muore” inizia così il video con i The Jackal impegnati a preparare una carbonara ma sbagliando ingredienti tanto che Cannavacciuolo verrà ucciso dalla panna sulla carbonara. Tornando alla show, invece, il quartetto avrà il compito di trovare il nuovo MasterChef Italia. Come? Il meccanismo è ormai quello collaudato della gara, lunga e adrenalinica, a colpi di piatti gourmet attraverso le varie sfide: le Mistery Box, gli Invention Test, i temuti Pressure Test. Tutte sfide già collaudate ma che quest’anno saranno arricchite nel loro meccanismo da novità che metteranno a dura prova le competenze tecniche e le conoscenze degli aspiranti cuochi. Non mancheranno, poi, le prove in esterna che porteranno la brigata di MasterChef in giro per l’Italia e non solo.

La prima puntata – in totale sono 12 e la finalissima è in programma il 4 aprile – sarà dedicata al ‘Live Cooking’ dove 80 aspiranti concorrenti avranno cinque minuti per preparare un piatto all’altezza del programma. Solo la metà potrà entrare nell’Hangar per la prova definitiva da cui usciranno i 20 cuochi dilettanti che si contenderanno il titolo di ottavo MasterChef italiano, oltre al premio da 100mila euro in gettoni d’oro e la possibilità di pubblicare un libro di ricette.