Giannina Maradona, 30 anni,  e suo padre Diego Armando, 59
Giannina Maradona, 30 anni, e suo padre Diego Armando, 59

Napoli, 6 novembre 2019 - Non c’entra nulla la preoccupazione etica sbandierata da Sting, Bill Gates, Warren Buffet e finanche dal cuoco stellato Gordon Ramsay, i quali pensano che ai propri figli non si debba lasciare alcuna eredità in termini monetari. No, stavolta la rottura sulla successione si scatena, e non per ‘ethical reasons’, nella casa del ‘Diez’ più famoso al mondo: Diego Armando Maradona.
Il Pibe – che vanta un patrimonio che ‘People With Money’ stima in 275 milioni di dollari – ha deciso di chiudere i rubinetti alla figlia Giannina, nata insieme a Dalma (con lei più nessun contatto) dal matrimonio con Claudia Villafañe, sposata nel 1984 e dalla quale ha divorziato nel 2004.

La ragazza, oggi trentenne, un tempo coniugata con il campione del Manchester City, Sergio ‘Kun’ Agüero, ha aperto le ostilità pubblicando sul suo profilo Instagram un post velenoso sullo stato di salute (soprattutto mentale) del padre. «Lo stanno uccidendo da dentro, senza che se ne accorga. Vi ricordate che mio padre aveva uno zoo, in cui potersi fare le foto con il leone? Lo teneva sedato, altrimenti è impossibile domarlo. E ogni paragone con la realtà è pura coincidenza…».
Insomma Dieguito ridotto dalle compagnie femminili da re della foresta a coniglio malandato. E lui risponde con un video diretto proprio a Giannina. In cui viene smentita ogni illazione sul suo stato di salute. «Non sto morendo per niente, dormo tranquillo perché sto lavorando. Mi è dispiaciuto moltissimo perdere contro l’Estudiantes (il suo Gimnasia sconfitto 0-1 in casa, ndr) . Non so quello che abbia voluto dire Giannina e come verrà interpretato. Ma so che ora, quando uno si fa più vecchio, gli altri si preoccupano più di quello che lascerà piuttosto di quello che sta facendo».

Da qui la minaccia di prosciugare il patrimonio o di devolverlo a enti no profit: «E io dico a tutti che non le lascerò nulla. Che darò tutto in beneficienza. Tutto quello che ho guadagnato in vita mia lo donerò. E lo diranno a qualcun altro quando morirò. Ma per adesso no, perché sono sanissimo».

La saga dei Maradona si arricchisce, quindi, di un altro capitolo, proprio nei giorni in cui spunta in Argentina un altro erede, il sesto. Si tratta di Magalì 23 anni: all’epoca del concepimento Diego viveva in Argentina come tecnico del Racing. Si va ad aggiungere a Giannina e Dalma, nate dal matrimonio con Claudia, a Diego jr Sinagra, nato dalla relazione con Cristiana Sinagra e non riconosciuto da Maradona fino al 2007, a Jana frutto della relazione con Valeria Sabalaín e Diego Fernando nato dal legame con Veronica Ojeda.

Una nidiata numerosa che spinge le madri a difendere la ‘legittima’ dei figli. Lo fa Claudia Villafañe che ha già chiamato Diego in tribunale. «Se hai le p***e di fare un video parlando di nostra figlia, spero tu ce le abbia anche per presentarti domani davanti al giudice, visto che finora non lo hai mai fatto». Oltre ai problemi in panchina con il suo club, Diego deve ora fare i conti anche con la carta bollata.